Trinitapoli - mare

Pareri ed opinioni sugli oltre 5000 itinerari cicloturistici di PisteCiclabili.com
Rispondi
Mike
Mascotte
Messaggi: 6117
Iscritto il: 16 mar 2008, 10:23 am
Bicicletta: Nessuna
Contatta:

Trinitapoli - mare

Messaggio da Mike »

Questa discussione contiene i commenti dell'itinerario cicloturistico Trinitapoli - mare

Descrizione, mappa ed informazioni sull'itinerario si trovano al seguente indirizzo:

http://www.piste-ciclabili.com/itinerari/1990-trinitapoli-mare

Iscrivendosi gratuitamente al forum è possibile commentare gli itinerari (bottone Rispondi), ricevere un avviso quando altre persone aggiungono commenti (link 'Sottoscrivi argomento'), e partecipare attivamente al miglioramento di Piste-Ciclabili.com

paki
Messaggi: 4
Iscritto il: 24 giu 2011, 12:34 pm

Re: Trinitapoli - mare

Messaggio da paki »

ieri ho percorso questo tragitto molto buono anche se buona parte della pista che si trova in paese e impraticabile perchè ci sono le auto parcheggiate e una concessionaria ha esposto le sue auto sulla pista :nono , e un brevissimo tratto è sterrato. Bellissimo il paesaggio.
a trinitapoli si può arrivare in treno e si può portare anche la bici :cool , non ci sono costi aggiuntivi per trasportarla.

marcometix
Messaggi: 1
Iscritto il: 08 nov 2010, 1:29 pm

Re: Trinitapoli - mare

Messaggio da marcometix »

Non si può affermare che a Trinitapoli la cultura della bicicletta sia radicata nella popolazione, ma se le strutture che servono ad incentivare l’utilizzo della bicicletta vengono usate (ed abusate) in malo modo, di certo non si potranno fare progressi in tal senso.
Provate a fare un giro in bici, soprattutto nel tardo pomeriggio, sulla pista ciclabile. Vi si presenteranno diversi scenarî:

Scenario tipico n. 1:
persona singola, con lettore mp3 e cuffie-walkman, che, al centro della pista, incurante di ciò che accade alle proprie spalle, corre tranquillamente come se fosse nella tenuta privata. Il campanello della bicicletta spesso non è sufficiente a destare l’attenzione del pedone, e si rende necessario il tallonamento con la ruota anteriore della bici sulle calcagna dello stesso, che, accorgendosi del mezzo in arrivo, si accosta, a destra o sinistra a seconda di come gli gira, con aria sufficiente e talvolta infastidito da questi velocipedi che “occupano” il loro spazio di allenamento.

Scenario tipico n. 2:
persona singola, con o senza lettore mp3 e cuffie-walkman, che, a sinistra della pista, per guardare meglio i fenicotteri, scattare fotografie di volatili, respirare a pieni polmoni l’aria delle vasche o passeggiare come sul corso, crea enorme intralcio in caso di transito di 2 biciclette che si muovono in direzioni opposte.

Scenario tipico n. 3:
2 persone, magari entrambe con lettore mp3 e cuffie-walkman, che corrono di fianco al centro della pista, costringendo i ciclisti a rallentare, a fermarsi, o a cimentarsi in pericolosi slalom.

Scenario tipico n. 4:
Famiglia intera, che per trascorrere un po’ di tempo all’aria aperta e godere del tramonto sulle vasche, si riversa completamente sulla pista ciclabile, dal nipotino al nonno, magari con qualche neonato in passeggino, in ordine sparso, o meglio in perfetto disordine, come meglio non potrebbe fare sul nuovo corso di via Vittorio Veneto. Forse non si rendono conto che le piazzole di sosta predisposte lungo la pista servono proprio ad accogliere pedoni o ciclisti in pausa.
Spesso in questi casi il campanello della bicicletta, pazientemente usato dal ciclista, non sortisce alcun effetto sui componenti della famiglia, che, con lentezza biblica, provvedono a lasciare un pertugio di sbocco per il noioso ciclista.

Scenario tipico n. 5:
2 o più bici di fianco, a mò di Giro d’Italia, che costringono il ciclista proveniente in senso opposto ad accostare il più possibile per evitare spiacevoli conseguenze.
-----------------------------
Non andiamo oltre, ma possiamo assicurarvi che la lista degli scenarî ‘irregolari’ è molto lunga. Vi invitiamo a percorrere (naturalmente in bici) la pista ciclabile di Trinitapoli e ve ne renderete conto da soli.
Se ne avete la possibilità, provate a fare un giro in bici sulle piste ciclabili di Pesaro, Ferrara, Amsterdam, Berlino, etc…
Provate anche a fare un giro a piedi sulle stesse piste…provateci.

Invitiamo le autorità competenti a prendere in considerazione il problema, dal momento che si tratta di una costante violazione del codice della strada, e speriamo che i provvedimenti non vengano presi a frittata fatta (parliamo di incidente tra ciclista e pedone).
Nel frattempo invitiamo i pedoni e corridori che si riversano sulla pista, se proprio non possono farne a meno, quantomeno a tenere la destra e ad andare in fila indiana.
Cordiali saluti.

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Google [Bot] e 69 ospiti