Pagina 1 di 1

vivo a pedali

Inviato: 26 gen 2010, 10:24 pm
da Valcaturnica
Ciao Ragazzi,
mi sono appena iscritto al forum, e a differenza di Francesca, che si definisce non proprio appassionata, io lo sono, eccome. Vado in bici ininterrottamente da oltre trentacinque anni, da quando cioè ero un preadolescente con gli ormoni in ebollizione, che sfogavo pedalando come un ossesso sulle mie montagne. E anche oggi, che gli ormoni si sono placati, pedalo, pedalo solo e unicamente perchè ...mi piace! Punto e basta.
Il pedalare per me è una dimensione zen, una fusione di istinti, una fonte di ispirazione, una sorta di trascendenza.
Il mio motto è "la fatica fisica tempra il corpo, forgia lo spirito, e avvicina l'uomo alla saggezza".
Ho corso, sono stato giudice di gara, istruttore e guida di mtb, speaker di alcune manifestazoni, a suo tempo organizzatore, sono presidente di una piccola società ciclistica, ma soprattutto pedalo, sempre e comunque. Ma solo quando HO VOGLIA DI FARLO.
Pedalo e colleziono, colleziono e restauro, restauro e leggo, e studio di bici, mi appassiona la meccanica, la tecnica, la storia, le corse, i campioni, le famiglie a pedali, le corsa e le mtb, le turismo e le recumbrent, le carbonio e le ferro, le indicizzate e le monomarcia.
Insomma, tutto ciò che è a pedali esercita su di me un fascino irresistibile, un'attrazione fatale.
Di solito sono un riservato, ma mi sono iscritto a questo forum (il primo della mia vita) perchè spero di trovare amici coi quali condividere una volta di più questo mio amore per quella macchina semplice e meravigliosa che tutti chiamiamo BICICLETTA.

Re: vivo a pedali

Inviato: 26 gen 2010, 10:41 pm
da pedalgronda
Io grazie a questo forum ho conosciuto persone stupende che mi hanno aiutato a capire ed apprezzare i segreti tecnici della bicicletta, che mi hanno spinto giù dalle ripide montagne di Milano con la neve, che mi hanno accompagnato e tagliato l'aria durante le 2+2 giornate della GrandeGronda tutti insieme. Internet, i forum e il virtuale sono qualcosa di irreale .... ma non sempre.
La tua passione per la bici è anche la mia.
Benvenuto. Che montagne vivi a pedali tu?

Re: vivo a pedali

Inviato: 26 gen 2010, 10:58 pm
da Valcaturnica
Ciao,
e con questo già rispondo, già dopo pochi minuti, al mio primo contatto "virtuale".
Io vivo da sempre nella pedemontana dell'alto vicentino, ai piedi dell'Altopiano di Asiago, luogo un tempo splendido per la bici. Dico "un tempo" perchè le cose negli ultimi vent'anni sono cambiate, ed ora la nostra zona è parecchio meno ciclabile, con l'industrializzazione che ci ha donato il benessere ma che si è anche portata via il nostro territorio, le nostre campagne, e buona parte dei nostri polmoni, oltre che tutta la tranquillità in cui eravamo immersi.
Proprio domenica scorsa, sotto ad un'auto è venuto a mancare il patron della Wilier Triestina, a poche decine di km da qui. Ed parecchi altri amici e conoscenti ho visto "andare avanti" per colpa di incidenti assurdi quanto evitabili con un pizzico di buon senso in più da parte degli automobilisti.
Ma la passione è tanta, è troppa, e noi ciclisti riusciamo ancora a trovare luoghi perfetti per i nostri incontri "amorosi" con la due ruote, una buona fetta delle nostre strade montane rimangono praticabili, ed in estate il nostro Altopiano è un paradiso per il Rampichino.
Oltretutto negli ultimi anni, per fortuna, ad un incedere dilagante delle superstrade abbiamo notato un incremento diciamo "buono" delle ciclabili. Il fatto è che molti di noi, ossessionati da un'assurda mania di emulazione dei "ciclisti veri", dei professionisti, molte volte manco percorriamo le ciclabili, perchè "fanno andare piano" rispetto alle strade, perchè "sono da femminucce". Io cerco di sensibilizzare gli amici a percorrerle, ma ti giuro che non è semplice, specie coi più assatanati.
Quelli che vivono di bici da ottomilaeuro e di barrette energetiche fra una ripetuta e l'altra.
E pensare che qui da noi, verso il Trentino specialmente, le ciclabili sono meravigliose, larghe tre metri, in saliscendi, con precedenza per le bici.
A poche decine di km da qui c'è quella della Valsugana che parte da Bassano e arriva in Trentino, a Levico. E' uno spettacolo. Da provare, sicuramente. Sessanta km di sicurezza, tranquillità e pedali liberi.
A presto.

Re: vivo a pedali

Inviato: 26 gen 2010, 11:45 pm
da pedalgronda
Valcaturnica ha scritto:A poche decine di km da qui c'è quella della Valsugana che parte da Bassano e arriva in Trentino, a Levico. E' uno spettacolo. Da provare, sicuramente. Sessanta km di sicurezza, tranquillità e pedali liberi.
me la segno. Il mio continuo oscillare tra esterofilia e amor patrio mi sta confondendo le idee per la progettazione delle mie ciclovacanze estive. Le montagne trentine che già conosco ma che mai mi stuferanno? La pianura padana calma e afosa? L'austria accogliente e fredda? Ci penso su.

Quanto ai temi che proponi che dire, sono d'accordo con te sia sull'eccesso di industrializzazione e conseguente distruzione del territorio sia sull'uso ancora non interiorizzato delle ciclabili da parte di noi ciclisti sia patiti delle corse che non vogliono essere rallentati, che cittadini non abituati a questo strano (per l'Italia) modo di spostarsi.

Non sapevo dell' incidente a Gastaldello, la triste notizia non era finita nella sezione notizie.Che riposi in pace.

Re: vivo a pedali

Inviato: 27 gen 2010, 9:24 pm
da Valcaturnica
Sto partendo proprio ora per la riunione settimanale del gruppo ciclisti di cui sono presidente, per cui ho pochissimi minuti.
Solo il tempo per farti partecipe di un mio progetto per la tarda primavera-prima estate: partenza dal vicentino, verso Trento. Da qui, in ciclabile: Bolzano, Bressanone, Val Pusteria, valle di Anterselva, Passo Stalle, discesa su Lienz, e ancora, riprendere la ciclabile della Drava per qualche centinaio di km fino a Villach, rientro in Italia da Tarvisio-Coccau, pontebba, pedemontana friulana, trevigiana, vicentina e .. a casa.
Saranno 600 - 700 km, circa cinque giorni di viaggio in tranquillità, (devo verificare meglio la distanza), di cui buona parte su ciclabile (zona trentina - austriaca, ovviamente).
La parte che più mi preoccupa ... indovina? Dal Friuli a casa. Traffico, traffico, traffico.
Problemi oreganizzativi: trovare le ferie da incastrare giuste e ... mettere d'accordo la famiglia, moglie, figlie, impegni, ecc.
Quella si, che è la vera avventura!!
A disposizione per farti conoscere la ciclabile della Valsugana. Meravigliosa! Se poi la fai in settembre, lo spuntino gratis è assicurato: viaggi nel bel mezzo delle piantagioni di mele trentine, e quelle cadute dagli alberi sono a tua disposizione.
Comunque provala prima. Magari a primavera. Con visita al centro di Borgo Valsugana, paese natale di De Gasperi. Merita Borgo e merita tutta la ciclabile e la zona. A risentirci. Devo proprio andare.

Re: vivo a pedali

Inviato: 27 gen 2010, 11:14 pm
da pedalgronda
il pezzo trento-bolzano e poi fino a Vipiteno l'ho fatto questa estate in 2 giorni. bellissimo.
il giro che mi consigli tu è una variante e mi sembra molto interessante.
forse dovrei studiare come rientrare in treno da Lienz al Trentino. proverò a mettere sotto pressione il mio pc per fare uno studio più approfondito...grazie della dritta intanto...buona serata presidente :si

Re: vivo a pedali

Inviato: 07 feb 2010, 12:36 pm
da pedalgronda
Valcaturnica ha scritto:Bolzano, Bressanone, Val Pusteria, valle di Anterselva, Passo Stalle, discesa su Lienz, e ancora, riprendere la ciclabile della Drava per qualche centinaio di km fino a Villach, rientro in Italia da Tarvisio-Coccau, pontebba, pedemontana friulana, trevigiana, vicentina e .. a casa.
1 Il tratto Bolzano-Bressanone mi è noto
2 da Bressanone a San Sigismondo non mi risulta ci siano ciclabili: come è la strada?
3 S.Sigismondo-Brunico: http://www.piste-ciclabili.com/itinerari/1633-
4 Brunico- Valdaora: http://www.piste-ciclabili.com/itinerari/221- Mi sembra di capire che tu qui gireresti a sinistra verso l'austria ma non so se ci sono ciclabili mentre l'itinerario di pisteciclabili continua fino a Lienz lungo rienza e drava. A che pro quella deviazione?
5)il rientro....non ho le mappe!!! devo procurarmele asap...mi piacerebbe tentare il rientro da Cortina per vedere le 3 cime di Lavaredo che non ho mai visto.
Poi devo trovare un treno per tornare a Trento, da dove ho intenzione di partire.

Prossimamente creo un gpx su google così mi dai una mano...

Re: vivo a pedali

Inviato: 14 feb 2010, 10:10 pm
da pedalgronda