Registrazione

Ciclabile della Drava (Drauradweg)

Descrizione

La famosa ciclabile della Drava, da Dobbiacco (ITA) a Maribor (SLO) attraverso la Carinzia (AUT).

La ciclabile si collega ad itinerari ciclabili italiani descritti anche in questo sito quali la Ciclabile delle Dolomiti da Calalzo a Dobbiacco (punto A), o la ciclabile Alpe Adria (al punto T a Villach), la ciclovia della Val Pusteria da Rio pusteria a Dobbiaco.

Dopo Lienz la ciclabile, sinora tutta asfaltata, lascia il passo a molti tratti di sterrato, direi un buon 40% del percorso è sterrato, ma il fondo è eccellente.

Da Dravograd la ciclabile si inerpica su un monte per poi perdersi subito dopo un ponte: gli ultimi 60 km fino a Maribor sono su strada statale anche se non trafficatissima.

Il sito ufficiale della ciclabile: http://www.drauradweg.com/

Itinerario segnalato da più persone; ultima modifica il 31 luglio 12
Itinerario commentato 21 volte.

Caratteristiche

Tipo:ciclopedonale
Distanza:179.21 km
Durata ( Km/h):717 minuti
Fondo:misto
Adatto ai bambini: Si
Adatto a pattinatori: Si

Dettagli

Pendenza media:0.5 %
Pendenza max:25 %
Densità tracciato18.2 punti/km
Dislivello (quota max-min):974 m
Dislivello salita:4316 m
Dislivello discesa:5264 m

Download / Roadbook / Profilo altimetrico

Importa nel tuo navigatore GPS il tracciato di questo itinerario, scaricandolo nei seguenti formati:
Scarica Roadbook
Stampa il roadbook di questo itinerario

Commenti

  • Ciclabile della Drava (Drauradweg)
    Percorsa parzialmente (da Dobbiaco a Villach) nella settimana di ferragosto '14, io a piedi e mia moglie in bicicletta.
    Purtroppo il meteo ha lasciato molto a desiderare, ma per il resto tutto è andato oltre le attese.
    La ciclabile è tenuta molto bene, le indicazioni sono frequenti e nella maggior parte dei casi molto chiare, i tratti a traffico promiscuo sono limitatissimi e mai pericolosi.
    Rispetto al boom di presenze degli anni scorsi, i numeri sono molto diminuiti e questo rende ancora più piacevole il percorso, specie da Lienz in poi.
    Nonostante il periodo non è stato quindi difficile trovare alloggio anche all'ultimo momento ed a prezzi accettabili, sempre a pochi metri dalla pista.
    Forse l'unico appunto che posso fare riguarda la scarsa presenza di fontane e punti-acqua, ma gli esercizi pubblici ed i negozi non mancano e in qualche modo ci si arrangia sempre.
    Consiglio l'ottima guida "Ciclovia della Drava" edita da Ediciclo, una vera miniera di informazioni.

    Per chi vuole rendere ancora più panoramica e varia la vacanza, si può partire dalla stazione di Calalzo di Cadore, sfruttando la ciclabile delle Dolomiti fino a Dobbiaco (via Cortina) per poi raccordarsi a quella della Drava: circa 80 km in più con un dislivello accettabile, immersi in un ambiente dolomitico spettacolare.
    Stefano1203, 1 settembre 14
  • Re: Ciclabile della Drava (Drauradweg)
    Ciao a tutti.
    Tornati da poco, scrivo un breve resoconto della nostra ciclovacanza. Siamo partiti da Dobbiaco l'11 agosto e arrivati a Maribor 6 giorni dopo. Bici e tenda.
    PREMESSA: siamo due ragazzi giovani, che pur di non rinunciare alle vacanze hanno deciso di stare un po' tiratini. quindi abbiamo optato per la tenda al posto dell'albergo. Scelta assolutamente fattibile, ma un po' più impegnativa perché i campeggi non abbondano e bisogna fare le tappe in funzione di questo.
    Prima tappa: Dobbiaco - Lienz (50 km) è la tappa più facile. Non c'è una salitina anche a cercarla e praticamente non si pedala, ci si fa trasportare dalla bici fino all'arrivo. é anche la tappa più trafficata, quindi l'unica cosa a cui dover prestare attenzione sono gli altri ciclisti, cani e bambini. Non ci sono problemi a trovare posti in cui fermarsi a mangiare un boccone o fontane in cui riempire le borracce.
    Il campeggio di Lienz è appena fuori dalla città (10 minuti di bici), ma ben attrezzato, nella media con i prezzi e abbiamo lasciato le bici incustodite senza avere problemi.
    Seconda tappa: Lienz - Spittal (75 km) è stata la nostra tappa più lunga. Questo perché campeggi in mezzo non sembravano essercene, stando alle guide. Invece ci saremmo potuti fermare qualche km prima ma ormai avevamo organizzato così. Tappa facile ma un po' troppo lunga per riuscire a godersi anche un po' dei posti da visitare, tenendo conto anche degli orari austriaci (il castello di Spittal chiudeva alle 16, come la maggior parte dei musei), e alle 20 trovare qualcosa da mangiare è un'impresa eroica. Il campeggio è il minimo indispensabile ma poco costoso, proprio sulla sponda della Drava.
    Terza Tappa: Spittal - Villach (46 km) tappa abbastanza facile senza particolari cose da segnalare. Villach è carina e un po' più attiva di Spittal. Niente campeggio perché il diluvio ci ha accolti in pompa magna e soprattutto è molto molto fuori città, e abbiamo deciso di optare per l'ostello, i cui prezzi però corrispondo a un buon albergo italiano...(26 euro a testa e 3,50 di iscrizione)
    Quarta Tappa: Villach - Klagenfurt (51 km) ci siamo allontanati dalla ciclovia della Drava e abbiamo deviato sulla D7 (si svolta nelle vicinanze di St Ruprecht ed è ben segnalata) per raggiungere Klangenfurt che altrimenti non si visiterebbe. Il tempo da lupi però c'ha fatto desistere a metà strada, dopo tre ore di acqua incessante siamo arrivati a Velden, congelati e zuppi, e abbiamo deciso di proseguire in treno. Abbiamo quindi testato l'efficienza delle ferrovie austriache. Niente da eccepire, a parte il costo. Per fare 20 km abbiamo speso 25 euro. Anche a Klagenfurt abbiamo deciso per l'ostello. Anche qui 28 euro a testa.
    Quarta Tappa: Klagenfurt - Volkermarkt (60 km) tappa facile con qualche salitina in più. Uscire da Klagenfurt è un po' complicato, bisogno andare verso la stazione e - guardando la stazione stessa - andare a sinistra, al primo sottopasso pedonale/ciclabile si seguono le indicazioni per la D7 e si esce dalla città. Ci si ricollega alla ciclovia della Drava a Ferlach e si pedala fino a Volkermarkt. Stando alla guida cartacea che avevamo ci dovrebbe essere un campeggio....in realtà il campeggio è a quasi 15 km dopo Volkermarkt, a Dullach. Per arrivarci seguite la ciclabile lungo la riva del lago e inerpicatevi sulle colline, sempre seguendo la segnaletica. Passato Ruden vi conviene chiedere perché bisogna fare una piccolissima deviazione, di circa 5 minuti, per arrivare al campeggio. (Nota tecnica: il campeggio è in mezzo al nulla, ma su un bellissimo lago. é sprovvisto di ristorante e mini market, quindi per la cena bisogna pensarci prima).
    Quinta Tappa: Volkermarkt - .....Maribor. Tappa un po' più impegnativa. In teoria non doveva finire così. Siamo partiti da Volkermarkt pensando di fermarci dopo 50 km circa a Dravograd. Arrivati a Dravograd però la signorina dell'ufficio turistico ci ha detto che in tutta la parte slovena della ciclovia non ci sono campeggi, il primo è a Maribor. Poco male, con i prezzi sloveni (abbiamo pensato) dormire non costerà molto nemmeno nelle pensioni, teoricamente biker-friendly. Abbiamo proseguito ancora 15 km, e ci siamo fermati per una ricognizione dalle parti di Muta. Tre telefonate agli albergatori dopo ci sono girate le scatole e abbiamo deciso di andare dritti a Maribor. Muta è davvero un paesino di tre case e un forno, e anche gli altri vicini...per una stanza c'hanno chiesto dai 70 ai 75 euro, con conversazioni telefoniche del tipo "Il prezzo lo diciamo quando arrivate" (.......)
    A questo punto innervositi dalla fatica ci siamo decisi a prendere il treno nella vicina Vuzenica e andare dritti a Maribor, perdendo così di fatto il piacere di arrivarci con i nostri mezzi. Abbiamo saltato più o meno 45 km.
    le ferrovie slovene sono decisamente meno care di quelle austriache.
    A Maribor il campeggio è a circa 20 minuti dalla città, verso le montagne. Campeggio delizioso, poco costoso e il personale gentilissimo.


    Per rientrare in Italia ci sono due opzioni: La prima è rientrare in Austria facendo a ritroso il percorso fatto in bici, col treno. Opzione che noi abbiamo scartato per due motivi: il primo è che non si vede niente di nuovo, e il secondo è il prezzo. (Maribor - Dobbiaco sono circa 65 euro a testa)

    La seconda richiede forse un giorno in più ed è: Maribor - Lubiana (2h, circa 14 euro a testa, ce ne sono diversi ogni giorno che fanno servizio di trasporto bici). Lubiana è carina e l'abbiamo visitata volentieri, il campeggio non è vicinissimo (circa 20 minuti di bici) ma gli autobus di Lubiana circolano dalla 3.30 di mattino alle 23.45 di sera e sono molto frequenti. Il giorno dopo abbiamo fatto in treno Lubiana - Koper (Capo d'Istria) (2h, circa 14 euro a testa, incluse le bici, attenzione che l'unico treno che fa trasporto bici è alle 9:40 della mattina)
    Da Koper a Trieste non ci sono treni, quindi ce la siamo fatta pedalando. Sarebbero 23 km, ma se vi perdete nella giungla di cartelli, indicazioni e frecce, riuscite a farne 50 come abbiamo fatto noi.
    Per non sbagliare non perdete mai di vista l'autostrada! In teoria la ciclabile per trieste è la D8, ma perdersi è facile.
    Da Trieste poi arrivate dove volete..

    Buon viaggio!
    sofizophe, 23 agosto 13
  • Re: Ciclabile della Drava (Drauradweg)
    Noi abbiamo percorso la ciclabile dall'8 al 14 agosto. Siamo arrivati in treno fino a Calalzo e da qui abbiamo fatto la splendida ciclabile delle Dolomiti fino a Dobbiaco. Il 9 agosto siamo partiti per la Drauradweg vera e propria. Le nostre tappe, di lunghezza variabile tra i 70 e i 90 km, sono state: Dellach, Kellerberg (Weissenstein), Ferlach e Lavamund. Per arrivare a Ferlach, qualche chilometro dopo Villach abbiamo preso la variante per il worthersee, bellissimo lago balneabile che finisce a Klagenfurt. Per motivi organizzativi abbiamo deciso di non proseguire verso Maribor e da Lavamund abbiamo percorso per una dozzina di chilometri la ciclabile R10, che segue il corso del fiume Lavant, fino a St. Paul im Lavanttal, dove c'è la stazione dei treni. Siamo saliti su un treno per Villach (via Klagenfurt) e da qui avremmo voluto tornare in Italia attraverso la ciclovia Alpe Adria. L'ufficio turistico di Tarvisio, da noi contattato, ci ha però detto che la ciclabile sarebbe stata interrotta tra Pontebba e Dogna probabilmente fino alla fine dell'estate 2013. Da Villach per fortuna parte un treno due volte al giorno con servizio biciclette che porta a Udine a prezzi contenuti (12 euro a persona + le bici).
    La ciclovia è molto affascinante e varia: si passa dai boschi ai campi di granoturco e girasoli ai laghi. Segnaletica impeccabile e svariate possibilità di pernottamento lungo la via.
    Antonella e Fabio
    fabio.targhetta, 14 agosto 13
  • Re: Ciclabile della Drava (Drauradweg)
    Sono appena tornato dalla favolosa ciclabile Drauradweg .
    posso dare un consiglio a chi vuole tornare da Maribor in treno .
    da Maribor a Capodistria (kopper) in treno con le ferrovie slovene (vedere sito ferrovie slovene)
    poi da Capoodistria a Trieste (circa 23 km) in sella alla vostra bici
    arrivati a Trieste non ci sono più problemi per le diverse direzioni .
    Io ho fatto così e mi sono trovato benissimo :cool
    renato.loro, 30 luglio 12
  • Re: Ciclabile della Drava (Drauradweg)
    Appena fatta. Da Rio Pusteria fino a Maribor. Quindi sono due itinerari: il primo la Val Pusteria in su, il secondo, la via della Drava, da Dobbiaco a Maribor in giù. Totale teorico sui 430 km. Pessimo la pista in territorio Alto Atesino. Non è una pista dedicata, ma è ricavata da mille percorsi locali diversi, in qualche modo raccordati. Quindi mille zig-zag, curve a gomito, vai e vieni, cambi di fondo e tanti strappi rompi gambe. E questo non solo verso Dobbiaco, naturlamente in salita, ma anche da Dobbiaco verso Rio Pusteria. Quindi quel che dicono i siti ufficiali dell'Alto Adige è veramente lontano dalla realtà: niente comodo percorso pianeggiante per famiglie, ma piuttosto percorso a strappi ed anche abbastanza pericoloso per le numerosisssime curve strettissime. Insomma, la solita truffetta dei nostri amici sudtirolesi che pur di attirare turisti dicono di tutto. Perfetta invece la pista in Austria, largamente sterrata, ma con fondo ottimo, non c'e' bisogno affatto della mountain bike. Ben segnalata, sia pure in modo poco omogeneo (in Ost-Tirol c'e' uno stile di segnalazione, in Carinzia un altro) e spesso con cartelli così piccoli che il ciclista deve essere dotato non solo di solidi polpacci ma anche di vista d'aquila. Facilissimo trovare in Austria B&B o alberghetti nel giro di 10 km, ma verso la Slovenia tale frequenza di letti diminuisce un pò.
    Prezzi nettamente inferiori a quelli dell'Alto Adige. In Slovenia la pista diventa solo un segno sulla carta ed io ho fatto solo la statale, con scarso traffico. Più difficile trovare da dormire, tanto che probabilmente conviene dormire l'ultima notte in Austria e la seguente direttamente a Maribor, bella cittadini con molti alberghi, forse un pò più cari di quanto mi attendessi. Non facilissimo il ritorno in treno in quanto gli orari dei pochi treni diretti sono impossibili. Io sono andato da Maribor fino all'ultimo paese della Slovenia in treno, poi ho attraversato la frontiera in bicicletta per un 15 km. Poi con tre treni ho atraversato tutta l'Austria fino ad arrivare a Sillian. Da lì altri 15 km di bicletta per arrivare a Dobbiaco. Altro treno fino a Rio in Pusteria dove avevo lasciato la macchina. Non comodissimo, 5 treni e trenta km in bici, una giornata intera e più di 50 euro.
    Gigifirenze, 30 luglio 12
  • Re: Ciclabile della Drava (Drauradweg)
    [quote="aglia70":389xs1my]. Da Tarvisio si prende la ciclabile Alpe Adria (tracciato ex ferrovia con tanto di gallerie) e sempre in leggera discesa si arriva alla stazione di Carnia,.....[/quote:389xs1my]

    puoi per cortesia specificare se il tratto di chiusaforte che fino a marzo(mio ultimo passaggio...)
    era chiusoper frana...... è adesso riaperto?
    griggio.f@libero.it, 5 giugno 12
  • Re: Ciclabile della Drava (Drauradweg)
    Ciao io tra due settimane parto con mio figlio ,... prendo il treno a Zesana oltre il confine di Trieste per Maribor (quattro ore di viaggio) e poi via ......... a ritroso la ciclabile della Drava fino a Villach Tarvisio ... fino a Poggio Udinese.-
    qualcuno mi sa dire com'è il percorso e se è facile trovare b&b sul tracciato.-
    grazie ciao a tutti
    andrea
    :lol :angelo
    pizzi64, 4 giugno 12
  • Re: Ciclabile della Drava (Drauradweg)
    Ho percorso la ciclabile della Drava da Dobbiaco a Volkermarkt, (Dobbiaco/Oberdrauburg/Spittal/Rosegg/Volkermarkt) circa 80 km al giorno, treno per tornare a Villach e in bici fino a Tarvisio su pista ciclabile e poi giù per i 60 Km di pista dell' Alpe Adria fino a Carnia. Impressioni mie: meglio evitare i grossi centri urbani e i grandi laghi (troppo antropizzati e turistici) e godere invece delle splendide atmosfere del fiume, dei paesini di campagna e dei piccoli laghetti. (a chi piace la tranquillità) Se possibile effettuare le tappe in modo da fermarsi a dormire nei piccoli centri. Consiglio soste per dormire a Oberdrauburg, al Gasthof Funder di Lind per mangiare; magnifica la zona di Rosegg (c'è lo zoo e tanta natura), ci sono tanti affittacamere, alberghi cari, poi Ferlach e Volkermarkt. Da Villach a Tarvisio si va per la ciclabile (30 km). A Tarvisio, splendida accoglienza, si può andare fino a Kraniska Gora e i laghi di Fusine su bellissima ciclabile ex ferrovia. Da Tarvisio si prende la ciclabile Alpe Adria (tracciato ex ferrovia con tanto di gallerie) e sempre in leggera discesa si arriva alla stazione di Carnia, poi con i treni interregionali si arriva facilmente a Udine/Mestre ecc. Il percorso è segnalato benissimo, un po' faticoso per i tratti sterrati. E' stato molto bello immergersi nell'ambiente fluviale e nei paesaggi austriaci (credo che fino a Volkermarkt basti) e altrettanto bello e semplice il ritorno attraverso il confine italiano di Tarvisio.
    Ecco la mia Drava.
    aglia70, 1 maggio 12
  • Re: Ciclabile della Drava (Drauradweg)
    Anche noi sulla pista della Drava a luglio, ma poco fedeli al tracciato. Nel tratto tra Lienz e Spittal, giudicato noioso da Giuliana, abbiamo fatto alcune varianti un po' impegnative ma interessanti:
    [list:2kzio3z5][*:2kzio3z5]dopo Oberdrauburg consiglio vivamente di salire a Irschen e mantenersi in quota per poi scendere a Dellach; un po' impegnativa la salita (3 km circa) ma piacevole il resto del tragitto e bella la discesa;[/*:2kzio3z5]
    [*:2kzio3z5]molto più bella la deviazione al Weissensee; anche qui la salita è impegnativa; sono solo tre chilometri ma con pendenze medie superiori al 10% però ne vale assolutamente la pena; il percorso prevede la traversata del lago sul traghetto: davvero molto piacevole. Il posto è incantevole e viene voglia di fermarsi qualche giorno.[/*:2kzio3z5][/list:u:2kzio3z5]
    Ulteriore deviazione poco prima di Spittal per raggiungere l'Ossiacher See dopo aver costeggiato il Millstatter See. Il tratto dal Milstatter See all'Ossiacher non lo consiglio: la ciclabile a volte scompare e bisogna condividere la strada con le auto in un tratto molto trafficato. Belli però i due laghetti che si incontrano prima di scendere verso Villach.
    griselda, 27 agosto 11
  • Re: Ciclabile della Drava (Drauradweg)
    Sono Giuliana, sono appena tornata dalla Drauradweg da S.Candido a Villach, poi ho girato per Tarvisio e ho preso l'Alpe- Adria fino a Carnia. Devo dire che la bellezza della nostra ciclabile Alpe-Adria, dal valico di Coccau a Carnia, con tutti i suoi capricci e trabocchetti, frane che ti si parano davanti, gallerie dove vai a tentoni, torrenti da guadare, non ha nulla da invidiare alla famosa Drauradweg, che invece ho trovato, specie nel lungo tratto di 80 km da Lienz a Spittal, noiosa, polverosa, assolata, faticosa con continui saliscendi. Si salvano i tratti S.Candido-Lienz, molto piacevole, con molti punti panoramici, e il tratto Spittal-Villach, più vario e ombreggiato. Molto bello, anche se non più Drauradweg, il tratto Villach - Coccau, che segue per un bel po' il fiume Gail dove ho fatto un bagno idilliaco.
    rosalux999, 16 luglio 11
  • Re: Ciclabile della Drava (Drauradweg)
    Alla fine di giugno io e mio marito con altri 2 amici vorremmo fare la ciclabile della drava fino a maribor. Potete darmi dei suggerimenti, anche riguardo agli alberghi? Grazie :ciao
    adegiaco, 9 aprile 11
  • Re: Ciclabile della Drava (Drauradweg)
    Qualcuno sa se esiste un percorso da Maribor a Trieste?
    Mauro85, 6 aprile 11
  • Re: Ciclabile della Drava (Drauradweg)
    Di B&B se ne trovano anti lungo il percorso. Io dormii a Lienz (nella piazza della stazione di Lienz c'è un ufficio turistico efficiente) e tornai indietro col treno senza alcun problema.
    pedalgronda, 13 marzo 11
  • Re: Ciclabile della Drava (Drauradweg)
    Ciao a tutti sono Alfonso ed ho intenzione di percorrere la cilabile della Drava con la mia famiglia per il ponte dal 17 al 20 Marzo. Vorrei chiedervi indicazioni su dove poter dormire (bed & breakfast) lungo il percorso da Dobbiacco a Maribor e se al ritorno è possibile mettere le bici in treno.
    Grazie in anticipo per le informazioni
    alfonso esposito, 12 marzo 11
  • Ciclabile della Drava (Drauradweg)
    Ciao USU
    Rispondo alla tua domanda dicendoti che nel 2006 avevo 30 anni e la Genova-Roma me la sono mangiata,oggi ne ho 36 e credo che a 36 anni nessuno comunque riesca a superare o battere il mio record passato.
    Quindi se la faccio in discesa o in salita per me è sempre un record.Ognugno nella vita decide i suoi record.
    christiantrikke, 19 settembre 10
  • Re: Ciclabile della Drava (Drauradweg)
    Sto per partire per Maribor seguendo la ciclabile lungo la Drava: per il ritorno verso Dobbiaco quali mezzi ci sono ( treni, autobus )? Grazie in anticipo per le indicazioni.
    rgaletti, 6 agosto 10
  • Re: Ciclabile della Drava (Drauradweg)
    Ciao a tutti,
    ho percorso solo una parte di questa ciclabile da Dobbiaco a Lienz e ritorno totale 98 km, devo dire che fatta eccezione per il primo tratto che è veramente spettacolare dopo i primi 15-20 km inizia il bosco e continua fino a Lienz...abbastanza monotono come paesaggio...inoltre, è pienissima di turisti (troppi). La trovo adatta a famiglie o a ciclisti poco allenati ma solo l'andata che e' in costante discesa, il ritorno fatelo solo se siete veramente allenati.
    ramona76, 6 agosto 10
  • Re: Ciclabile della Drava (Drauradweg)
    Ciao Christian. Perche' hai scelto una ciclabile per buona parte in discesa per fare il record di resistenza? Ciao Edo
    USU, 18 luglio 10
  • Re: Ciclabile della Drava (Drauradweg)
    [color=#0000FF:36ji4n5m]Ciao,mi chiamo Christian,sono Primatista del Mondo di Trikke su strada,una disciplina rassomigliante un pò alla presciistica ma che consiste di un mezzoa 3 ruote.
    Oscillando da una parte all'altra,con l'ausilio del solo movimento corporeo,cercherò di realizzare il mio 2°Record Mondiale di resistenza, partendo dalla Città di Dobbiaco e terminando tutta la tratta sino a Maribor,senza effettuare alcuna sosta.
    Ho seguito il Vs consiglio è sicuramente una pista ciclabile molto bella e affascinante,visiterò luoghi diversi e vi saprò dire alla fine del mio evento mondiale le mie considerazioni. Ciao da http://www.christiantrikke.it[/color:36ji4n5m]
    christiantrikke, 5 aprile 10
  • Re: Ciclabile della Drava (Drauradweg)
    siamo appena tornati da questo percorso, fatto in una settimana di vacanza in bici, lasciato l'auto alla stazione di DOBBIACO, passati da LIENZ, BERG,SPITTAL,VILLACH, qui abbiamo fatto il giro del lago di OSSIACH e siamo tornati in treno con le bici da VILLACH.
    Consiglio vivamente questo percorso, stupendo e abbastanza facile per tutti, trovato sempre cordialita' e ospitalita', prezzi modici(al contrario dell'italia!!!)tanta natura e cose belle da visitare, come il castello vicino a VILLACH.
    tutto veramente bello.
    fatelo se potete.
    ciao
    meghimax, 24 agosto 09
Scrivi commento | Regolamento