Registrazione

Ciclabile delle Dolomiti

Profilo altimetrico

Pendenza media 1.3%, max 24% Dislivello salita 941m, discesa 513m, assoluto 757m

Caratteristiche

Distanza:57.27 km
Tipo:ciclopedonale
Fondo:misto
Adatto a bambini: No
Adatto a pattinatori: Non votato
Durata (Km/h): 229 minuti
Bellissimo itinerario tra stupende montagne: Antelao Pelmo Tofane Sorapis.

L'itinerario si snoda sul tracciato della ferrovia dismessa.

Dopo Cortina (localita' Fiames) inizia il fondo sterrato, inizialmente compatto per poi diventare sconnesso con ghiaioni.

Nei tratti con ghiaia è consigliabile montare ruote almeno da 26x2.00: è possibil usare bici da trekking, ma è rischioso usare ruote di sezione così piccole su uno sterrato dove fanno anche gare di MTB.

Data la mancanza di parapetti o altre protezioni in alcuni tratti con sporgenze a precipizio, il percorso è poco adatto ai bambini.

Itinerario segnalato da VALERIVS il 21 giugno 10

Sono presenti 53 commenti legati a questo percorso.

Download

Video

Commenti

  • Re: Ciclabile delle Dolomiti
    Sembrerebbe che il treno abbia ripreso a trasportare le bici fino a Calalzo. Non tutti i treni e non tutti i giorni, per ora, ma qualcosa va! Il servizio cambia tra sabato, festivi e feriali... sempre meglio controllare gli orari FS.
    ciao :)
    fvio, 9 aprile 16
  • Re: Ciclabile delle Dolomiti
    Ciao a tutti, io con il mio gruppo l' abbiamo fatta lo scorso Giugno, bellissima!! Sicuramente il mezzo migliore è la MTB, ma fattibile anche con altre bici, per quelle da corsa credo sia meglio scendere su alcuni tratti, o meglio farla con una da ciclocross. Partiti da Calalzo e fino a Dobbiacco, poi verso San Candido e da qui abbiamo preso quella verso Sesto (a mio avviso ancora più suggestiva) e da qui abbiamo chiuso l' anello arrivando al punto di partenza. 130 km circa ma con un dislivello abbastanza "tenue".
    davide boschello, 10 marzo 16
  • Re: Ciclabile delle Dolomiti
    Lo sterrato è generalmente buono, ad eccezione di alcuni ghiaioni che, comunque, obbligano tutti a scendere di sella. Una bici da corsa forse non è l'ideale ma con dei copertoncini più robusti puoi provare. Eventualmente carichi la bici in spalla lungo i tratti peggiori o scendi sulla statale che spesso corre a lato. La pista è bella ma dalla strada godrai dello stesso spettacolo che la natura offre!
    PS - vado a memoria e ricordi, dopo questo inverno non so in che condizioni sia.
    ciao
    fvio, 18 maggio 15
  • Re: Ciclabile delle Dolomiti
    Buongiorno a tutti.
    Vorrei tanto fare questa ciclabile partendo proprio da Calalzo e arrivare a Dobbiaco.
    Leggo in alcuni vostri (preziosi) commenti, che passata Cortina inizia un tratto sterrato piuttosto lungo.
    Inizialmente sterrato buono, poi degrada in ghiaione.
    Ho visto alcune foto della ciclabile e ho notato che su quel tratto ci sono anche dei pezzi che hanno vere e proprie sembianze di sentiero, più che di ciclabile.

    Considerando che io ho esclusivamente una bici da corsa con ruota diametro 700 mm e spessore 23 mm, cosa mi consigliate di fare?
    E' improponibile riuscire a fare quella tratta, dopo Cortina, con copertoni del genere?
    In alternativa, pensavo, di poter percorrere il tratto Cortina-Dobbiaco rischiando direttamente su strada carreggiabile (la statale normale per intenderci).
    Ma è piuttosto lunga! Voi come la vedete? Qualcuno che conosce quel tratto di strada può sbilanciarsi e darmi un parere se è "brutta", troppo trafficata, troppo rischiosa? ecc?

    Grazie mille a tutti voi per i vostri consigli!
    Ciao, buona giornata.
    sorguido, 18 maggio 15
  • Re: Ciclabile delle Dolomiti
    ...ho paura che per il treno ci siano pochissime speranze...sembra assurdo...da qualche anno le vendite delle bici sono in costante aumento come sono in costante diminuzione le facilitazioni sulle ferrovie....bah...misteri della fede....
    robbibi, 18 aprile 15
  • Re: Ciclabile delle Dolomiti
    è un vero peccato che nell'estate scorsa non fosse possibile portare le bici fino alla stazione di Calalzo utilizzando il treno, speriamo che quest'estate la situazione cambi. ...e speriamo che il meeo quest'anno sia migliore dello scorso anno! :cool :boh http://www.dolomitimeteo.it/veneto/calalzo-di-cadore/
    dolomiten, 16 aprile 15
  • Re: Ciclabile delle Dolomiti
    Il treno ha ripreso a correre. Le bici no! :| Restano a terra.
    Ciclista avvisato, mezzo salvato!
    fvio, 30 agosto 14
  • Re: Ciclabile delle Dolomiti
    Anche io stavo valutando l'idea di fare questa pista arrivando in treno a Calalzo. Purtroppo fino a fine Luglio la tratta è chiusa e dopo non è garantita la possibilità del trasporto bicicletta. Sembra che certe possibilità di guadagno da semplici idee turistiche non interessino il nostro paese e la regione Veneto. Basta analizzare la differenza con la ferrovia che arriva a Dobbiaco.
    andrea.pigo, 21 giugno 14
  • Re: Ciclabile delle Dolomiti
    DA UN AMICO LOCALE
    Inizia:
    "Le cose stanno ancora peggio, non manca solo il servizio treno + bici da Ponte nelle Alpi a Calalzo, manca proprio il treno!
    Anzi, i treni! Hanno chiuso la linea dopo i danni del maltempo invernale, ma non stanno facendo nessun lavoro di ripristino. Trenitalia non dice niente, ma è evidente che vogliono sopprimere la linea: precetti aziendali del vangelo neoliberista e si fotta il concetto stesso di servizio publlico di trasporto locale!
    Qui c'è una mobilitazione a vari livelli, i pendolari all'ultimo stadio dell'incazzatura, sindaci e papaveri vari, ci sono progetti di rilancio delle linee non elettrificate, da Montebelluna e da Conegliano in su fino a Calalzo, uno l'ha fatto fare addiritura la Confindustria locale agli svizzeri che hanno progettato con Moroder la Merano-Malles! Sti industriali fino a ieri pretendevano il prolungamento dall'A27, bisognerà che ci mettano sopra una pietra tombale se vogliono essere presi sul serio...
    Chisso è contrario allo scorporo delle linee predette per il bando di gara che ci sarà nel 2015, che sarà il nodo cruciale, ma così non si potrà fare nessun progetto serio di sistema integrato gomma-rotaia e l'indispensabile potenziamento delle reti cicloturistiche e dell'intermodalità. Insomma prospettive grige...."

    Finisce
    Riccardo Lucatti, 2 aprile 14
  • Re: Ciclabile delle Dolomiti
    @Bruccone. Un recente ottimo servizio TV ha mostrato il pessimo servizio ferroviario a danno dei pendolari che utilizzano la stazione di Calalzo. Figuriamoci se si preoccupano dei ciclisti! In compenso il Signor Moretti dice che se gli diminuiscono la sua paghetta (€850.000 all'anno), lui rassegna le dimnissioni. E che le dia! Facciamo una gara internazionale offrendo un terzo della sua paghetta (€283.333,33) e ne troviamo decine e decine di manager preparatissimi e plurilingue ...
    Riccardo Lucatti, 31 marzo 14
  • Re: Ciclabile delle Dolomiti
    ATTENZIONE: Mi sono accorto ora che Trenitalia ha tolto la tratta diretta Venezia-Calalzo, ma il problema non è questo, bensì il fatto [color=#FF0000:2maihrys]che NON ESISTE più il servizio treno+bici nella tratta Ponte nelle Alpi-Calalzo!!![/color:2maihrys]
    A mio avviso è un disservizio gravissimo. Non poter raggiungere in treno la via della Dolomiti, una della piste più importanti del nostro Paese.
    Ho deciso di scrivere all'assessore ai trasporti e invito tutti gli appsasionati a farlo....non so che, e se, ci siano delgi interessi sotto, ma tutto ciò significa stoppare il clicoturismo!!!
    bruccone, 29 marzo 14
  • Re: Ciclabile delle Dolomiti
    Percorsa domenica da Dobbiaco a Calalzo. E' sempre bellissima. Ora praticamente tutta su sede protetta, brevissimi tratti su strada ma mai sulla statale. Preso il dolomitibus con trasporto bici da Calalzo alle 8.40 (utile prenotare). Nella direzione da noi scelta il percorso è per la maggior parte in discesa.
    A San VIto, nella stazioncina, è ospitato un piccolo museo curato da un appassionato che vi racconterà un sacco di cose interessanti; se è aperto (credo di solito i festivi) non mancate di entrarvi.
    Per quanto riguarda i bambini secondo me il percorso (l'intero tratto è un pò lungo, eventualmente da percorrere solo una parte) è adatto ai bambini facendo attenzione solo a qualche tratto senza protezioni; sicuramente tra ponti e gallerie non si annoieranno. E' discretamente adatto anche ai carrellini portabambini: nel tratto da Dobbiaco a Cimabanche (veros quest'ultima) c'è qualche breve tratto con ghiaia in cui si affonda un pò, nel tratto dopo San Vito attenzione ad alcuni sbarramenti che impediscono l'accesso alla ciclabile alle auto, lasciano uno spazio 'un pò di misura' ai carrellini. C'è un unico tratto (se non ricordo male dopo San Vito scendendo) che arrivati a fianco della statale la ciclabile scende ripida x una strada asfaltata a dx x alcune centinaia di metri e poi la abbandona svoltando bruscamente a sx x risalire ripida e il tracciato si fa stretto x un carrellino). In questo tratto con un carrellino è opportuno restare sulla statale e poco più avanti riprendere la ciclabile scendendo sulla destra con le stradine che portano alle case sotto la statale. Ultima avvertenza: anche col tempo bello facilmente in estate c'è qualche breve temporale, per cui portarsi da coprirsi e (suggerisco) approfittare degli innumerevoli paesini o sottopassi o gallerie x ripararsi (sono in genere acquazzoni di breve durata)
    trottola, 9 luglio 13
  • Re: Ciclabile delle Dolomiti
    Percorsa il 3 maggio 2013 da Calalzo a Dobbiaco. Nel tratto dopo Cortina c 'era ancora molta neve e non si riusciva ad andare. Ad un certo punto siamo passati sulla statale che corre lì a fianco.
    bruco441, 11 maggio 13
  • Re: Ciclabile delle Dolomiti
    il giorno 25/4/2013
    Il tratto che va da Dobbiacco a Cortina era imprticabile c'era ancora molta neve sul tracciato
    Ciao Tho
    tho008, 29 aprile 13
  • Re: Ciclabile delle Dolomiti
    non ho mai fatto la San Candido - Lienz, e continuerò a non farla.
    mi piace troppo la ciclabile delle dolomiti, ed anche quest'anno, alla fine di giugno, la rifarò.
    parcheggio l'auto dopo Cortina, a Fiammes. poi salgo fino alla relativa stazione e via verso Cimabanche.
    sosta. comincia la discesa verso Dobbiaco, tirando spesso i freni!!!
    i guai cominciano al ritorno: tutta salita fino a Cimabanche. io, ciclista della domenica, varie volte
    sono sceso dalla bici ed ho fatto un tratto a piedi (non ce la facevo proprio in sella). ma per quello che si vede, ne vale la pena ugualmente.
    arrivato a Cimabanche, ho tempo di riprendermi nella leggera discesa verso Cortina.
    eugenioalb, 22 aprile 13
  • Re: Ciclabile delle Dolomiti
    Ibrida? Direi di si!
    Riccardo Lucatti, 8 ottobre 12
  • Re: Ciclabile delle Dolomiti
    Avrei intenzione di percorrere questa ciclabile entro breve, è fattibile secondo voi utilizzare una bici ibrida (una via di mezzo tra bici da strada e mtb)? Ho letto negli ultimi commenti che resta un pezzo di sterrato. Partirei da Verona e quindi vorrei sincerarmene prima...grazie in anticipo
    andreascatasta, 8 ottobre 12
  • Re: Ciclabile delle Dolomiti
    Fatta il 7 settembre da Calalzo a San Candido e ritorno... fantastica!!!
    Non ci sono parole o foto che possano descrivere le emozioni che si provano percorrendo questa ciclabile in cui la bellezza del paesaggio è incommensurabile :-)
    Per farla tutta è necessario avere un po' di allenamento ma non è impossibile... sicuramente per superare certi tratti (dopo Cortina quando da asfaltata diviene sterrata) è necessario avere una mtb anche perchè la pista è stata rovinata dai torrenti.
    Di gran lunga la più bella ciclabile che abbia mai percorso... anche della gettonata San Candido - Lienz!!

    Andrea
    andrew67, 10 settembre 12
  • Re: Ciclabile delle Dolomiti
    Fatta ieri 21-08-2012 Bellissima consigliata a tutti ottimo servizio Dolomiti Bus
    saliti fino a Cimabanche dove abbiamo incontrato anche Marino Bartoletti
    da li siamo scesi a Cortina dove c'era il mercato poi a Pieve un ulteriore sosta
    per il Pranzo e poi tra sali e scendi si arriva a Calalzo in circa 3 ore di pedalato
    ieri la giornata era troppo calda anche in Montagna,comunque contenti di
    averla percorsa perchè è veramente uno spettacolo della natura in mezzo
    a queste montagne.
    Aldocarollo, 22 agosto 12
  • Re: Ciclabile delle Dolomiti
    Bambini si, bambini no ... si vede che invecchiando (sono nonno!) si diventa eccessivamente prudenti!
    Ed allora, stiamocene alle valutazioni dei giovani genitori e diciamo: bambini si!
    Io, nel frattempo, sono a Riva del Garda e mi divido fra bici e barca a vela
    Buona bici a tutti!
    Riccardo Lucatti, 15 agosto 12
  • Re: Ciclabile delle Dolomiti
    fantastica, salve sono nuovo :cool , percorribile da bambini senza problemi, anzi è per loro, preciso che siamo partiti dalla stazione di Calalzo tramite bus, caricato le bici che ci ha portato fino a Cimabanche costo 10 euro a testa :noti , avendo bimbi abbiamo fatto il punto più alto, conviene prenotare il bus il giorno prima se si è in alta stagione, il bus è la parte più noisa :sleep , continue soste nei vari paesi x caricare sia bici che passegeri ma per il resto ok, panorami mozzafiato e tenuta bene, non molti frequenti bar o ristori durante il percorso :caffè , munitevi di zaino frigo. per niente faticosa anzi, impermeabili e felpe non possono mancare durante il percorso essendo in montagna la temperatura a 1500 metri si fa sentire. tempo, 2ore e mezza buone di bus, e altre 3 e mezza per la discesa, dipende dalle soste, 50 km secchi. :)
    bludiego, 15 agosto 12
  • Re: Ciclabile delle Dolomiti
    Gruppo BICI UISP - Trento. 3 e 4 agosto 2012. Si parte da Trento in pullman privato alle 07,30, sino a Dobbiaco. Qui una parte di noi va a Lienz; una parte (io sono fra questi) sulla ciclabile delle Dolomiti. Si inizia a pedalare alle 11,00. 17 km per superare 350 metri di dislivello. La sola difficoltà è rappresentata dallo sterrato spesso "disastrato" dalle esondazioni di torrentelli vari. Grosse macchine operatrici attendono il lunedì per riprendere a lavorare. Lago di Dobbiaco, boschi. Bello. Poco prima del termine della salita, si gira a sinistra per vedere le cime di Lavaredo. Tutti dicono le "tre" cime, ma noi ex alpinisti, sappiamo che sono ben cinque. Andate a controllare presso la vostra sezione del CAI o della SAT. Cimabanche, gran premio della montagna! Sosta per un panino e via, in discesa! Sterrato agevole con prudenza (non fatevi ingannare a prendere troppa velocità). Boschi, laghetti, ruscelli, torrentelli, gallerie ex ferroviarie, deliziose stazioncine dismesse (chi le vuole riattare?) e poi, su di un ponte 100 metri sopra un torrente e quindi la vista si allarga: si traversano sassaie e in fondo a destra, Cortina. Sembra di planare con un aereo ... verso la fine, asfalto e la Regina Cortina d'Ampezzo! Non entriamo in città. Si prosegue (ripeto: attenzione alla velocità, la ciclabile è invitante, asfaltata, larga ... quasi troppo invitante!). Pare che la discesa non debba mai finire ... Antelao, Pelmo, Civetta, Gruppi Dolomitici, nomi famosi, cime invitanti ... Siamo arrivati a Borca (stazione Agip), dopo aver percorso 49 km.. Troppo tardi per cercare di raggiungere Calanzo di Cadore entro le 15,30 (mancano altri 23 km), ultima corsa bus per risalire a Cimabanche. Ma si sa, quando si è in tanti, fra amici, si parla, ci si diverte, ci si ferma, a noi piace molto anche questo modo di pedalare! Ci fermiamo e prendiamo (un gelato e) il bus che ci conduce a Dobbiaco (€10,00), dove ci riuniamo ai nostri amici di ritrono da Lienz. Quindi una parte rientra a Trento in pullman. Una parte si ferma a dormire presso il locale ostello e il giorno dopo pedala sino a Bressanone per tutta la Valle Pusteria, per rientrare a Trento in treno. Ciclabile delle Dolomiti: da fare, assolutamente. Non tutta adatta ai bambini. Bici usate: rampichini o ibride con ruote robuste.
    Voglio rifarla questa estate stessa, partendo ben prima, con sosta a Cortina con mia moglie (= negozi da visitare! Speriamo bene, che Dio me la mandi buona!) e dormendo a Calalzo, in ostello. Il Dolomiti bus parte da Calalzo alle 08,40: è gradita la prenotazione (http://www.dolomitibus.it - 0437 941237). Viva Bici UISP, Unione Italiana Sport per Tutti!
    Riccardo Lucatti, 5 agosto 12
  • Re: Ciclabile delle Dolomiti
    Fatta nel finesettimana con 2 bambini di 6 e 8 anni, da Dobbiaco a Calalzo, e pernotto a Cortina.
    I primi 5 km circa sono ottimi. Poi ci sono circa 5 km di salita prima di Carbonin che sono per ciclisti esperti e assolutamente non per bambini. Sterrato molto grosso, sassi, un pezzo di greto di fiume, saliscendi continui e anche duri. Quindi famiglie e ciclisti della domenica fanno molta fatica. Andrebbe sistemata e ripensata in questo tratto per renderla ottimale per qualsiasi tipo di utenza.
    Poi riprende una salita bella, quindi inizia la discesa.
    Da Cimabanche a Cortina è splendida. Così come da Cortina a Calalzo.
    Unico neo in località Acquabona ti fanno staccare dalla statale per scendere verso il Boite e risalire. Anche qui ci sono 2 km circa troppo impegnativi per bambini e famiglie. Il mio suggerimento è di stare in strada per un misero km (stando attenti!) ed evitare ai piccoli tanta fatica inutile.
    La critica è che potrebbero attrezzare un km in strada in sede distaccata (come è poco prima) e sarebbe molto meglio.

    In complesso è veramente splendida, merita tantissimo. Molto più bella della Dobbiaco-Lienz (fatta il giorno prima, senza nulla toglierle, anch'essa molto bella).
    Il panorama è mozzafiato.

    Con bambini è fattibile, sapendo che quel pezzo di salita prima di Carbonin sarà molto faticoso.
    Per adulti con appena un minimo di allenamento si fa comodamente in una sola tappa.
    samueleg, 10 luglio 12
  • Re: Ciclabile delle Dolomiti
    Veramente una gran bella ciclabile . L'abbiamo fatta oggi da Calalzo fino a Cortina, giornata molto bella, pensavo di vedere più bici sinceramente. In alcuni tratti hanno rifatto l'asfalto, una vera libidine!
    samuel lorenzon, 24 giugno 12
  • Re: Ciclabile delle Dolomiti
    Adatta ai bambini? Direi di sì. Io e i miei, 7 e 10 anni, l'abbiamo fatta più volte. Partenza da Calalzo, pernotto a Cortina e il giorno successivo ritorno a Calalzo o avanti per Dobbiaco - San Candido. :si
    fvio, 6 novembre 11
  • Re: Ciclabile delle Dolomiti
    Percorsa giovedì scorso, partendo da Valdaora in val Pusteria, fino a Cortina d'Ampezzo, per un totale di 97 Km.
    Mi è piaciuto molto il tratto iniziale fino a Dobbiaco, che a me è sembrato anche la parte relativamente più impegnativa dell'intero percorso. Bello l'inizio della "Dolomiti", in particolare il lago di Dobbiaco e, più avanti, il punto panoramico verso le tre cime di Lavaredo. Poi, fin verso passo Cimabanche, l'ho trovato un pò noioso, sicuramente non all'altezza delle entusiastiche recensioni che ho letto qui dentro.
    Si incontrano anche alcuni tratti di acciottolato veramente sconnesso, che richiedono una buona MTB e molta attenzione nella guida, per non cadere. In alternativa, per i meno dotati di mezzi idonei, è d'obbligo il bypass sulla vicina, trafficatissima statale. Oltre passo Cimabanche il percorso si fa più interessante, con alcuni passaggi in galleria e ponti. Peccato l'abbandono in cui sono lasciate le piccole stazioni di Ospitale, Fiammes ed anche di Cortina D'Ampezzo, che non brilla certo per decoro nonostante sia ancora utilizzata come stazione per autocorriere.
    Destouches, 18 settembre 11
  • Re: Ciclabile Dobbiaco-Cortina
    Partiti davanti al Grand'Hotel Dobbiaco si passa vicino al Lago
    tutto molto bello,sopratutto il panorama offerto dalle meravigliose
    Montagne,a Cimabanche la sosta è obbligatoria,per un po di relax
    anche se poi in discesa per Cortina ci si riposa un po.I km. sono 61,5
    andata e ritorno però nonostante noi non siamo tanto allenati c'è
    L'abbiamo fatta senza faticare troppo.Il dislivello è di circa 300 metri
    a Cortina C'era il Mercato settimanale così abbiamo fatto un altro po
    di riposo.
    Comunque la ciclabile è bella,però da come la descivevano io pensavo
    fosse ancora più bella.
    Aldo e Giliola fatta ieri 19-08-2011
    Aldocarollo, 20 agosto 11
  • Re: Ciclabile delle Dolomiti
    Fatta oggi 30 Luglio, da Calalzo a Cortina e ritorno, da fare con il bel tempo perchè il panorama è stupendo. Non particolarmente difficile ma comunque per fare 70 Km un po' di allenamento ci vuole.
    Prestare sempre attenzione ai pedoni e agli attraversamenti.
    Giobbe Stefano e Rodolfo ci siamo veramente divertiti e rilassati.
    gbb1267, 30 luglio 11
  • Re: Ciclabile delle Dolomiti
    fatta domenica 18 luglio da Calalzo di Cadore alla stazione di Cortina e ritorno. Bellissima pista con panorami mozzafiato ma da non sottovalutare. La lunga salita (40 km.) è costante e non impegnativa però ci sono 2 o 3 strappi non da poco che presuppongono un minimo d'allenamento e la conoscenza di come si usino i rapporti della bici. La discesa, naturalmente, ripaga ampiamente lo sforzo della salita. La consiglio vivamente. :cool
    sandro30, 18 luglio 11
  • Re: Ciclabile delle Dolomiti
    Ciao, per me puoi andare tranquillamente, è si un tratto in salita, ma dolce e costante, poi arrivano tratti piani dove si viaggia in scioltezza. unico avvertimento..occhio alla ghiaia ai bordi. ciao!!!
    ziv, 28 giugno 11
  • Re: Ciclabile delle Dolomiti
    @Tramditorino: io l'ho fatta in senso opposto (da cimebianche a Cortina quindi) e mi sembra che non ci siano particolari problemi, anzi, è il tratto più bello con gallerie e scorci mozzafiato sulle montagne. Certo, è in salita, ma non la ricordo esagerata la pendenza.
    pedalgronda, 17 giugno 11
  • Re: Ciclabile delle Dolomiti
    Salve, sapreste illuminarmi sulla difficoltà del tratto Cortina - Cimabanche? L'anno scorso ho preso l'autobus con trasporto bici, ma quest'anno vorrei farlo tutto! Da precisare che no sono molto allenato, ma il primo tartto fino a Cortina lo facco con tranquillità
    Grazie per la collaborazione!
    tramditorino, 16 giugno 11
  • Re: Ciclabile delle Dolomiti
    Buongiorno, domenica 5 e lunedì 6 giugno, ho percorso la ciclabile. devo dire molto bella, e abbastanza impegnativa. la salita da Calalzo a San Vito è abbastanza pedalabile, ma tira parecchio. poi da Cortina il tratto sterrato praticamente perfetto fino a Cima Banche. considerando che pioveva tanto, si è dimostrato ottimo sia in salita che poi nella discesa. Mi sono fermato al passo di Cima Banche perchè poi pioveva copiosamente. Se posso azzardare un consiglio, utilizzerei mtb o city o trekking, non corsa perchè in alcuni tratti si rischia proprio troppo. Molti punti esposti, alcuni con protezioni, altri no, quindi molta attenzione. Si ammirano panorami mozzafiato. Alcuni attraversamenti cittadini non sono ben chiari e senza voler criticare, privi di carattere, però resta gran bella ciclabile, assolutamente da fare. ciao, diego.
    ziv, 13 giugno 11
  • Re: Ciclabile delle Dolomiti
    Ciclabile delle Dolomiti.
    Sabato 21 Maggio 2011 mio figlio ed io siamo partiti da S.Candido x percorrere la ciclabile delle Dolomiti. A Dobbiaco inizia il percorso in leggera salita, e fino alla fine del lago di Dobbiaco è tutto tranquillo, poi iniziano piccoli problemi dovuti a frane, la pista è libera, ma con piccole discese ripide e risalite altrettanto secche che si fanno sentire.Tutto questo fino al termine del lago di Landro. Salita continua ma abbordabile x per arrivare a Cimabanche. Consiglio: fin qui percorso x MTB, anche perchè prima del lago di Landro si entra x qualche tratto nel letto del Rienza e qui !!!!!!. Discesa su Cortina, bella x tutto quello che si fa e che si vede, fondo della strada non asfaltato,come del resto tutto il tratto precedente. Poco prima di Cortina inizia il fondo asfaltato, attenzione agli incroci con le strade a traffico veicolare. Cortina, si entra nella stazione autobus, x proseguire sulla ciclabile, che attraversa tutta la zona stazione, seguire la segnaletica orizzontale sull'asfalto. Questo tratto, Dobbiaco-Cortina lo avevo già percorso 3 anni fa, e devo dire che non è x niente cambiato. Cortina- Calalzo, la ciclabile esiste tutta, x la maggior parte asfaltata e segnalata, fare solo attenzione nella zona di Acquabona e S.Vito, dove la segnaletica non è ben chiara, x il resto è tutto splendido. Arrivo a Calalzo stazione dei treni, x i biglietti ferroviari la biglietteria è chiusa il sabato e la domenica, esistono le biglietterie automatiche e la gentilezza del capo stazione che ci ha fatto i biglietti x le MTB perchè non sapevamo come farlo con la biglietteria automatica. Il percorso in se stesso, bellissimo, paesaggisticamente, x lunghezza, fondo e tutto il resto, insomma da rifare. Dal mio punto di vista non è x famiglie, perchè lo ritengo abbastanza severo nel tratto Dobbiaco- Cimabanche, e anche x la lunghezza che non è da sottovalutare.Un consiglio x i costruttori-ideatori di questi bellissimi percorsi, che potrebbe fare tanto comodo ai ciclisti che non sono della zona. Dal momento che nei paesi si entra sempre dalla porta di servizio con le ciclabili, sarebbe utile inserire sulla segnaletica in prossimità di un paese, il nome del paese stesso. Non la ritengo una lamentela ma una utilità, non è così solo sulla Dobbiaco- Calalzo, ma dappertutto. Saluti, alla prossima, BUONA PEDALATA A TUTTI.
    30-05-2011 Rasein66
    rasein66, 30 maggio 11
  • Re: Ciclabile delle Dolomiti
    Abbiamo percorso con due bici dacorsa da Calalzo aCortina e ritorno.
    Percorso stupendo,molto suggestivo. Come pistaciclabile direi piuttosto impegnativa, ma ne vale veramente la pena. Presenta diversi sali scendi lungo tutto il percorso. Unicoproblema....veramente tanto frequentata, in certi punti si fa fatica procedere conpasso regolare
    grande gasby, 11 ottobre 10
  • Re: Ciclabile delle Dolomiti
    Il 19 settembre 2010 siamo partiti in 46 da Padova con il pullman, con il carello delle biciclette a traino. Siamo arrivati a Cimabache e siamo andati in bicicletta fino a Calalzo. Un'esperienza bellissima che auguro a tutti, siamo stati fortunati, sia per il bel tempo e perchè nessuno durante il percorso ha avuto problemi di forature o guai di meccanica. Però non essendo abituati a questo tipo di passeggiate abbiamo evitato in alcuni casi, per poco, a dei probabili incidenti. Esempio dare sempre la precedenza a chi viene dalla parte contraria, quando ci si ferma mettersi di lato, rispettare gli stop lungo il percorso. ecc. ecc. Dobbiamo ancora mettersi in testa la mentalità degli austriaci o dei paesi del nord. Io spero che ci sia sempre più gente che vada in bicicletta e che usi le piste ciclabili, in modo che sia reciproca la convivenza auto e bici.
    Lucio Faggian, 28 settembre 10
  • Re: Ciclabile delle Dolomiti
    :cool Ciclabile delle Dolomiti con variante di Claudio e Dario 22-09-2010
    ------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
    partenza da Tai di Cadore giornata stupenda destinazione Cortina
    pista in ottime condizioni segnata bene paesaggi unici e stupendi,
    OCIO a Cortina (km 33) arrivati al piazzale della stazione le indicazioni le trovate segnate a terra .
    Si prosegue ancora in leggera salita per Passo cima Banche (km 46) da cui
    in direzione Dobbiaco si scende per un paio di km .
    Arrivati all' incrocio con la strada asfaltata svoltiamo a destra da dove parte la nostra variante
    in direzione di Misurina , e passo Tre Croci cambiano le pendenze e sulle gambe si fanno
    sentire le fatiche ma ciò che ci circonda ci ripaga di tutto .
    Arrivati al passo Tre Croci ci troviamo al punto più alto a quota 1809 siamo al km 64 fatti
    quasi tutti di salita, ma le sorprese non sono finite, decidiamo di cominciare
    la nostra lunga discesa per malga Larieto,rifugio Mietres,Col Toldo
    tutta su sentieri e sterrato tra boschi e prati che ci porta alle porte di Cortina (hm 72)
    Da questo punto finisce la nostra variante, riprendiamo la ciclabile che da
    Cortina ci porterà a Tai tutta in discesa per un totale di 110 km e 1500 m di dislivello.
    CONCLUSIONE
    Giro stupendo sicuramente impegnativo, completo di tutto e di più solo per esperti
    Cajo 22-09-2010
    CLAUDIO BOZZETTO, 27 settembre 10
  • Re: Ciclabile delle Dolomiti
    Abbiamo effettuato il percorso da Valle di Cadore fino a Fiames a/r sabato 21/8; pista ciclabile completa e ben sistemata, con un solo attraversamento stradale all' inizio di Cortina. Bisognerebbe sistemare la segnaletica orizzontale nel tratto da Zuel al Codivilla, xchè i Sig.ri ospiti della perla delle Dolomiti non hanno ben presente che una pista ciclopedonale non è riservata solo ai pedoni e la convivenza a tratti non è delle più felici. Annalisa e Massimo
    CENERINO, 23 agosto 10
  • Re: Ciclabile delle Dolomiti
    io e un'amica (2 ragazze, 29 anni, non troppo allenate in bici) l'abbiamo fatta il 4 agosto 2010, da cimabanche a calalzo.
    da dobbiaco a cimabanche con il dolomiti-bus (bici noleggiata alla stazione di dobbiaco), idem da calalzo a dobbiaco. consiglio vivamente di prenotare, visto che porta al max 28-30 bici. i 2 autisti che abbiamo beccato cmq erano gentilissimi! per dare un'idea sui tempi, partendo in bici da cimabanche alle 10.30, con giretto a cortina di 40 min e una sosta di 10 min, siamo arrivate a calalzo verso le 15 e abbiamo preso il bus delle 15.30 (inizialmente avevamo prenotato per le 17.17, abbiamo rischiato di restare giù).
    da cimabanche a cortina è pura discesa, e dopo un po' secondo me stufa. tra l'altro è sterrato, molto in ombra, fa freddo e consiglio il caschetto. da cortina iniziano alcuni tratti in salita, ed il percorso si fa decisamente + interessante. una volta siamo dovute scendere (proprio appena fuori cortina, mi sembra, con alcuni tratti sterrati) ma per il resto è fattibile. dopo cortina, è quasi tutto asfaltato.
    i paesaggi sono molto belli, e cambiano molto durante il percorso; nel complesso, è un itinerario che merita, a mio avviso.
    tra l'altro, abbiamo incontrato molte persone sul tratto cimabanche-cortina (spt in senso inverso, che salivano), e pochissime dopo cortina fino in cadore.
    controlu, 6 agosto 10
  • Re: Ciclabile delle Dolomiti
    Risposta per Adelio

    Si è proprio il "Grand Hotel " di Dobiacco il magnifico Hotel dove ho aloggiato, forse lo scelto più per praticità, è proprio difronte alla partenza della ciclabile, comunque non ho niente in contrario hai masi, l'importante è farsi una riposante dormita, dopo una giornata in bici.
    Un saluto e una buona pedalata
    thinkinbike, 14 maggio 10
  • Re: Ciclabile delle Dolomiti
    Non un semplice ostello, ma il "grand hotel" di Dobbiaco suppongo!

    http://toblach.jugendherberge.it/cs.asp?st=1&sp=it

    Sono diversi anni che frequento la zona, soprattutto d'inverno, e preferisco alloggiare in masi agrituristici.
    Per trovarli mi sono sempre appoggiato agli ottimi motori di ricerca che riporto qui sotto:
    http://www.toblach.info/it/suedtirol/home.html
    http://www.gallorosso.it/it/

    Ciao e buone vacanze in Alto Adige

    ps
    qualcuno ha notizie del bus and bike x il 2010?

    Luciano
    borgofumo, 5 maggio 10
  • Re: Ciclabile delle Dolomiti
    Ciao a tutti
    Una domanda a thinkinbike; ci hai fatto venire l'acquolina in bocca, adesso posta dove hai "dormito in un magnifico ostello" perchè ....... a questa estate.
    Adelio
    adelio, 4 maggio 10
  • Re: Ciclabile delle Dolomiti
    Lo scorso luglio ho girato un breve video sulla Dobbiaco Cortina e ritorno.
    Buona visione: [url:2zp7k90o]http://www.youtube.com/watch?v=ljRRrTuzkz8[/url:2zp7k90o]
    Flavio
    camperlaia, 21 settembre 09
  • Re: Ciclabile delle Dolomiti
    Un percorso veramente stupendo.
    Approffitnndo di due giorni di ferie l'8 e il 9 sett.,caricata la bicicletta e partenza.Posti e panorami veramente belli,naturalmente siamo nelle Dolomiti,dichiarate da poco Patrimonio dell'unanità, chi c'è già stato so di cosa si parla.Comunque tutto il percorso si svolge su pista ciclabile,da Calalzo di Cadore a Cortina asfaltata e ben tenuta,certo è tutta in salita,leggera ma pur sempre salita.Raggiunta Cortina in circa due ore, piccola pausa spuntino e poi si riprende per il passo Cimabanche 1529 mt su fondo sterrato,molte gallerie, ma tutte den illuminate.Raggiunto il passo tutta discesa fino a Dobbiaco, anche se non ben segnalata e nesnche ben tenuta.Dormito in un magnifico ostello e l'indomani tragitto a ritroso.Salita fino a Cimabanche per poi scendere Cortina San Vito di Cadoer per poi arrivare al punto di partenza,Calalzo di Cadore.Due giorni magnifici,consigliabili a tutti, con un pò di allenamento.
    Saluti e a presto :si
    thinkinbike, 20 settembre 09
  • Re: Ciclabile delle Dolomiti
    Percorsa ieri da Calalzo di Cadore a Cortina. Lavori in corso nn più presenti a Vodo di Cadore e sottopasso di S.Vito terminato. Ciclabile protetta al 100%. Ciao a tutti
    sosterod, 27 agosto 09
  • Re: Ciclabile delle Dolomiti
    [quote="AndreaMTB86":2qbewhp7]80 all'ora? :asd ma che era la Coppa Downhill del Nevegal? Già tanto 30 all'ora in piano su ghiaioni che sembra di essere un canguro.[/quote:2qbewhp7]

    :asd dal passo cimabanche a lago di dobbiacco ci sono dei tratti FAVOLOSI di discesa (sempre sul sedime della ferrovia) lunghi e con curvoni larghi, mulinavo il rapportone come una trottola...considera che il primo classificato ha chiuso con una media di 33km/h in un percorso che comprendeva il passo e un dislivello di circa 800mt!!! un siluro...io mi sono fermato ad una onorevole media di 24km/h...

    saluti
    Il Pordenonese, 28 luglio 09
  • Re: Ciclabile delle Dolomiti
    80 all'ora? :asd ma che era la Coppa Downhill del Nevegal? Già tanto 30 all'ora in piano su ghiaioni che sembra di essere un canguro.
    AndreaMTB86, 27 luglio 09
  • Re: Ciclabile delle Dolomiti
    ieri ho fatto la Cortina-Dobbiacco mtb, la gara seguiva per larga parte il percorso ciclabile qui descritto, salvo alcune brevi escursioni per single track su sentieri a cimabanche, a carbonin e sul lago di dobbiaco. mi scuso con i cicloturisti ai quali durante la gara abbiamo "fatto il pelo" a 80 all'ora...pensavo che la chiudessero durante le 3 ore di gara invece...il percorso e' favoloso, se si parte da cortina ci si puo' fermare a pranzare sul lago di dobbiaco, molto suggestivo...

    saluti
    Il Pordenonese, 27 luglio 09
  • anche per il 2009 servizio Bus+byke
    :asd anche per quest'anno la Dolomitibus offre l'utilissimo servizio BUS+BYKE.
    :cool vedete qui info e orari:
    [url:2fzxfuar]http://217.194.178.227/dolomitibus/dolomitibus.nsf/ALL/B8EE4C3DCDBD8224C12575D3002B27F0[/url:2fzxfuar] :noti
    ciao :ok
    andrea
    anellofluvialepd, 17 giugno 09
  • Re: Ciclabile delle Dolomiti
    Panorami mozzafiato, splendida ciclabile, un "must" per i tutti i cicloturisti.
    Se proprio vogliamo trovare un difetto potremo solo dire che a nostro avviso sarebbe opportuno l'uso di un segnavia comune e inequivocabile lungo tutta la ciclabile.

    Ecco i nostri appunti di viaggio.
    Domenica 24 agosto 2008, dopo una notte di pioggia battente la giornata è splendida.
    Partenza dalla stazione FS di Calazo alle 8:35 con il DolomitiBus attrezzato per il trasporto bici.
    Sorpresa, credevamo di trovare ressa alla partenza invece siamo soli (ferragosto è passato ma è pur sempre una domenica di agosto). Lungo la salita verso Carbonin sale solo una ciclista. Arrivo a Carbonin alle 10:07 in perfetto orario. Dalla fermata dell'autobus si prosegue in bici sulla statale verso Misurina per 240 metri fino ad incrociare la pista ciclabile. In questo tratto la pista non è asfaltata ma ha comunque un buon fondo (sentiero CAI n.208). A destra si va a Cortina (non ci sono segnalazioni) a sinistra si scende a Dobbiaco (segnalazioni pista di fondo). In leggera salita saliamo fino a Cimabanche. A destra possiamo ammirare la Croda Rossa. Attraversiamo il piazzale di Cimabanche tenendoci a sinistra fino a ritrovare la ciclabile. Inizia la discesa. Siamo a 1500 metri ed in discesa fa freddo anche se c'è il sole. Dopo un vecchio ponte in ferro ed alcune gallerie la valle "svolta" decisamente verso sud aggirando il Cristallo, qui finalmente il sole comincia a scaldarci un poco. Più ci avviciniamo a Cortina e più gente incontriamo. La ciclabile diventa asfaltata. Andiamo piano e stiamo attenti ma bisogna prestare attenzione ai pedoni che improvvisamente indicano le vette con i loro bastoni da passeggio... Arrivo a Cortina presso la vecchia stazione ferroviaria, ora stazione degli autobus. Non vediamo indicazioni e quindi attraversiamo dritti il parcheggio. Una traccia GPS trovata su internet indica una ciclabile che attraversa il centro e scende verso il fiume Boite. Noi comunque proseguiamo dritti fino a ritrovare la ciclabile (che corrisponde ancora al sentiero cai 208). Vista sul Sorapiss alla nostra sinistra. All'altezza di località Salletto si attraversa la statale (che ora ci sta alla sinistra) e si prosegue sul CAI 208 fino a località Zuel. Qui le indicazioni ci fanno scendere a destra e dopo 2 tornanti raggiungiamo il Boite ed il bivio con l'altra ciclabile che proviene da Cortina. Tratto in sterrato. Sarebbe stato possibile evitare qualche saliscendi proseguendo per il sedime della ferrovia (cai 208) ma mi par di capire che questo comporta poi un tratto su statale. Meglio quindi scendere al Boite o al limite passare per Zuel di sotto, ai piedi del trampolino. Su pista asfaltata scendiamo verso S.Vito di Cadore, l'Antelao è visibile alla nostra sinistra. Poco oltre, a destra, il magnifico Pelmo. Tra Costa e Vallesella siamo costretti a fare 400
    metri su statale a causa di lavori in corso lungo la ciclabile. Tra Vodo e Venas altri 2 km su statale. Si
    intravvedono i lavori in corso per aggiungere questi ultimi 2 km alla pista e renderla ciclabile al 100%.
    La discesa è terminata ma tra salitelle e tratti in piano raggiungiamo infine Pieve di Cadore e la
    stazione di Calalzo.
    Un grazie ad anelloflufialepd per la segnalazione del servizio bus+bici!
    borgofumo, 25 agosto 08
  • Re: Ciclabile delle Dolomiti
    Itinerario stupendo, sono partito da Dobbiaco verso Cortina e ritorno. Salita non eccessiva e panorama favoloso. Consigliato!
    fonta16, 17 agosto 08
  • Re: Ciclabile delle Dolomiti
    itinerario davvero mooolto bello! :asd
    l'ho percorso da Cortina-Passo_Cimabanche a Tai di Cadore (47 chilometri) giovedì scorso: una meraviglia!
    soprattutto la parte alta del tracciato passa per gallerie da favola (illuminate!!) e ponti ex-ferroviari a picco su torrenti.
    solo da Cortina a San Vito di Cadore la segnaletica non è chiarissima.
    lavori in corso a San Vito di Cadore per realizzare un tunnel ciclabile.

    ATTENZIONE!: la compagnia DolomitiBus offre un vantaggioso servizio di liena Byke&Bus con trasporto della bici (2,50 euro) su rimorchio dedicato, partendo da Calalzo di Cadore (necessaria prenotazione telefonica) e arrivo a Passo Cimabanche o località Carbonin. Dopo si scende per circa 47-55 chilometri attraversando tutta la Val Boite. :!
    vedi qui il pieghevole illustrativo:
    http://217.194.178.227/dolomitibus/dolo ... E%2008.pdf
    e qui gli orari:
    http://217.194.178.227/dolomitibus/dolo ... e_Bus2.pdf

    NB: a Calalzo arriva anche il treno, dove si può portare la bici. Ottimo per chi parte da Padova, linea diretta senza cambi. :cool

    itinerario C O N S I G L I A T I S S I M O !! :love
    anellofluvialepd, 12 agosto 08
Scrivi commento | Regolamento