patente per conducente di velocipede

Novità dal mondo delle due ruote
Rispondi
renatociclo
Messaggi: 236
Iscritto il: 18 giu 2012, 8:11 am

patente per conducente di velocipede

Messaggio da renatociclo »

sono favorevole al 100% al patentino per velocipede esattamente come ce n'è uno per conducenti di ciclomotori.

la mia formula è semplice: un corso di un finesettimana dove si prendono in considerazione alcuni aspetti relativi al codice della strada, che in sè è ricco di tante raccomandazioni molt utili per tutti, ma fin troppo ignorate, un test con una decina di domande chiuse, cioè stile esame patente B, per intenderci, e un altro test di natura pratica che contempla in pochi minuti capacità tecniche e conoscenza del codice.

in concomitanza una modifica significativa al corso di patente A,B,D,E dove si includono informazioni vincolanti in sede d'esame riguardanti i diritti e i doveri dei ciclisti verso gli altri utenti della strada e i diritti e i doveri degli utenti della strada in generale verso i ciclisti.

farei partire la cosa come facoltativa per i primi 2 anni e obbligatoria dal terzo anno in poi. farei partecipare ache i minori con genitore a seguito, perchè anche i bambini devono essere ben educati all'uso corretto della bicicletta in città e dovrebbero essere sempre inclusi in questi progetti formativi.

dal terzo anno in poi la patente per conducente di velocipede diventerebbe obblligatoria e a mio avviso si potrebbe rinnovare dopo 10 anni.

vogliamo radicare la velocultura? bene, allora cominciamo a studiare un po di più e a dare in il via a un progetto formativo che diventerebbe vncolante gia a partire dalle nuove generazioni.

immaginate i risvolti: vostro figlio vuole la bicicletta, ma sapete che prima di circolare su sede stradale pubblica dovrà sostenere un esame, naturalemente semplice ma efficace, e ottenere un patentino. quanti ragazzini si potrebbero formare in questo modo e contribuire a rendere in futuro adulti maggiormente consapevoli? e quanti adulti dovrebbero tornare sui banchi di scuola per prendere il patentino e diventare anche loro migliori? (almeno si spera!)

inoltre gli esami per le patenti A,B,D,E sarebbe pervasi da informazioni riguardanti i velocipedi e tutto ciò che comporta la loro presenza sulla sede stradale sia sul fronte dei diritti/doveri sia su quello della sicurezza e di una migliore convivenza.

è una brutta idea? che ne pensate?

GiuseppeMarrasi
Messaggi: 4903
Iscritto il: 08 giu 2012, 6:53 pm
Bicicletta: BH Xenion 650 Lite Bosch
Contatta:

Re: patente per conducente di velocipede

Messaggio da GiuseppeMarrasi »

:cool
bravo!
ottima idea!
innanzitutto in cotal guisa si inizierebbe a formare l'educazione stradale anche dei futuri automobilisti, e ce ne è bisogno.
Poi se si commettono infrazioni in bici i punti si levano dal patentino bici e non dalla patente.
In futuro prenderei in considerazione anche una, contenuta, assicurazione per danni arrecati a se stessi ed agli altri, persone, animali e cose.
:) scusate la tastiera figlia d'android
http://www.jobike.it/forum/topic.asp?AR ... C_ID=14792

Immagine

renatociclo
Messaggi: 236
Iscritto il: 18 giu 2012, 8:11 am

Re: patente per conducente di velocipede

Messaggio da renatociclo »

bella idea quella dei punti sul patentino!

pedalgronda
Moderatore
Messaggi: 2736
Iscritto il: 01 giu 2007, 8:54 pm
Biografia: Sono nato a Milano e qui ho sempre vissuto: 34 anni, Ingegnere meccanico (indirizzo materiali metallici) dal 2002. Dal 2005 sono attivo nel volontariato per la difesa dell'ambiente e per il miglioramento della mobilità a Milano. Come molti Milanesi (che ancora non lo sanno) sono asmatico. Posseggo 11 biciclette ma la maggior parte sono vecchie e scassate in attesa di essere sistemate. Sono sposato con una fanatica della bicicletta come me e ho un cane che viene con noi in bici.
Bicicletta: Una MTB decathlon con freni Vbrake, cambi sram, forcella ammortizzata e telaio in alluminio.
Località: Milano
Contatta:

Re: patente per conducente di velocipede

Messaggio da pedalgronda »

totalmente contrario. Inutile per chi pedala tanto e sa molto di più di quello che è scritto nel cds, e POTENTE DETERRENTE a iniziare a usare la bici....esistono paesi dove questa cosa esiste? E in tutti gli altri? Allora la stessa cosa andrebbe fatta per i pedoni. Un corso obbligatorio per insegnare a come attraversare, il semaforo, ecc ecc. Se non lo hai non puoi uscire di casa.
La bici non è un veicolo. non solo. E' l'anello di congiunzione tra piedi e auto. Casco obbligatorio, assicurazione, patenti sono cose che vanno bene per chi, col suo mezzo, causa danni agli altri. Proprio come le armi. La bici è uno strumento di calma, pace, rispetto che ha un solo nemico: l'illegalità concessa ai veicoli a motore.Illegalità causa del 95% degli incidenti e quindi dei 2000 morti (in aumento proprio tra pedoni e bici).

Favorevole invece a corsi facoltativi e in stile gioco nelle scuole. ma senza nessun esame o bocciatura. La bici è una festa.
Io, GG, sono nato e vivo a Milano (G.Gaber)

renatociclo
Messaggi: 236
Iscritto il: 18 giu 2012, 8:11 am

Re: patente per conducente di velocipede

Messaggio da renatociclo »

qualcuno diceva: "I soldi e i morti che ci sono dietro alle auto sono qualcosa più grande di noi"...anche questa è una festa?

un programma formativo di un solo weekend valevole per tutta la vita, dove si può prendere cn semplicità un documento che innalza il livello di consapevolezza soprattutto ne giovani è un deterrente?

ci sono video in rete di gente che è andata a roma in occasione di ciemmona. non hanno neanche avuto il pudore di tagliare le immagini mentre entravano in bicicletta nel gran raccordo anulare, probabilmente perchè nella loro ignoranza non si erano neanche accorti che il G.R.A. è un autostrada.

però sono andati nelle strade della capitale a rivendicare l'uso delle città per le biciclette. cos'è questa cosa che io faccio fatica a definire, a decifrare, questa ignoranza di massa che rivendica diritti e ancora diritti ma che non conosce neanche la differenza tra una strada statale e un autostrada?

non farebbe male essere un po più preparati. formare le nuove generazioni a una maggiore consapevolezza sull'utilizzo degli spazi pubblici in condivisione con diverse tipologie di mezzi di trasporto
significherebbe maggiore cultura della mobilità e del rispetto reciproco, maggiore chiarezza sulle regole che tutti dovrebbero rispettare.

la bici non è un mezzo di trasporto? è cos'è? un quadro di leonardo con le ruote? tecnicamente è un mezzo di trasporto chiamato VELOCIPEDE, almeno stando alla definizione che ne fa il codice della strada. poi se qualcuno lo chiamo "micio micio", o "quel fottuto pezzo di ferro" la sostanza non cambia. puoi anche portarla al letto ma rimane pur sempre un mezzo di trasporto.

per innalzare il livello di cultura della bicicletta un solo weekend per tutta la vita sarebbe poca cosa, ma almeno sarebbe l'inizio.

fryederich
Messaggi: 118
Iscritto il: 13 apr 2010, 10:55 am
Bicicletta: Nessuna

Re: patente per conducente di velocipede

Messaggio da fryederich »

Assolutamente contrario. Quella conoscenza basilare del codice della strada che è necessaria per condurre in sicurezza la bicicletta, dovrebbe essere patrimonio di tutti (anche un pedone non può attraversare un'autostrada) quindi, caso mai, il corso andrebbe introdotto a livello di scuola dell'obbligo. Educazione civica?

La differenza abissale fra i motoveicoli e la bicicletta è nella conseguenza degli errori: un errore nella conduzione dei primi ha spesso conseguenze drammatiche per altri, mentre - a parte rarissime eccezioni, trascurabili nella triste conta dei morti in sinistri stradali - un errore in bicicletta lo paghi in prima persona. Oltretutto lo paghi soprattutto se sei circondato da veicoli a motore.

renatociclo
Messaggi: 236
Iscritto il: 18 giu 2012, 8:11 am

Re: patente per conducente di velocipede

Messaggio da renatociclo »

ma parliamo la stessa lingua o cosa?

maggiore preparazione per quanto attiene il velocipede che è un mezzo di trasporto, andare a piedi non a nulla a che vedere con questo obiettivo. parliamo di biciclette, non di universo.

quando si sta nel traffico cittadino o su una stata extraurbana non esiste più nessuna vera differenza tra un ciclomotore, un motoveicolo, un autoveicolo, un velocipede DAL PUNTO DI VISTA DELLE REGOLE DELLA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO. le precedenze agli incroci non semaforizzati, la segnaletica di pericolo e quella d'obbligo, quella sulla pavmentazione stradale, sono regole condivise che se venissero rispettate non ci sarebbero problemi di incidenti. i ciclisti dovrebbero avere l'obbligo di conscere queste regole proprio come gli altri utenti della strada, ma ovviamente in misura notevolmente ridotta in quanto la sede stradale pubblica preclude i velocipedi in parecchie aree di transito.

tutti devono conseguire una patente tranne i ciclisti, anche se questi ultimi finiscono per essere quelli che protestano di più per i loro diritti.

perchè questa idea di progetto formativo vi mette cosi tanto in allarme?

viene da uno che fa 20mila km l'anno in bicicletta per andare al lavoro, per puro divertimento e per cicloviaggi in italia e all'estero.

io per primo, usando cosi tanto la bici, sento la necessità che gli utenti della strada siano più consapevoli e più sensibili e preparati. non ho nessuna intenzione si additare gli automobilisti come criminali solo perchè vanno in macchina, come farebbe qualcuno. lungi da me le ideologie e il fanatismo. ma detesto l'ignoranza, il pressapochismo, la superficialità e la pochezza che c'è in molti ciclisti che credono di sentirsi i padroni della strada, detesto la prepotenza degli automobilisti che se non stanno attenti qualche volta le prendono si santa ragione da ciclisti esasperati. detesto questo clima di giungla dove la gente non è consapevole delle cose e dove c'è un livello di ignoranza che fa paura.

Guru Oiro
Messaggi: 363
Iscritto il: 16 mar 2012, 8:45 am
Bicicletta: 5
Località: Lavis (TN)
Contatta:

Re: patente per conducente di velocipede

Messaggio da Guru Oiro »

renatociclo ha scritto:sono favorevole al 100% al patentino per velocipede
......

è una brutta idea? che ne pensate?
Secondo me è una pessima idea.

Non è solo con le imposizioni che si crea il rispetto e il senso civico.
Basta vedere cosa succede sulle strade coi mezzi motorizzati...
Tra l'altro vorrei far notare che la maggior parte dei ciclisti, è già patentato (= deve/dovrebbe conoscere le regole del codice stradale).

Pensare di regolamentare sempre tutto è spesso controproducente.
Ma soprattutto sarebbe solo l'inizio...
Poi arriverebbero: :noti
- casco obbligatorio
- targa obbligatoria
- obbligo di iscrizione al PRC (pubblico registo ciclistico)
- assicurazione obbligatoria
- bollo annuale obbligatorio
- revisione semestrale obbligatoria
- gomme invernali obbligatorie dal 15 novembre al 15 aprile
- parafanghi obbligatori
- paletta laterale d'ingombro con catarifrangente
- kit di primo soccorso obbligatorio a bordo
- triangolo per emergenze obbligatorio a bordo
- luci accese sempre
- doppi specchietti retrovisori
....

Fate un pò Voi ...
Ultima modifica di Guru Oiro il 06 feb 2014, 8:45 am, modificato 1 volta in totale.
Visita il mio blog sulle bici PZZ garage: http://pzzgarage.blogspot.it/
Immagine
Elenco telai e componenti nuovi per V-brake:
http://pzzgarage.blogspot.it/p/only-v-brakes.html

pedalgronda
Moderatore
Messaggi: 2736
Iscritto il: 01 giu 2007, 8:54 pm
Biografia: Sono nato a Milano e qui ho sempre vissuto: 34 anni, Ingegnere meccanico (indirizzo materiali metallici) dal 2002. Dal 2005 sono attivo nel volontariato per la difesa dell'ambiente e per il miglioramento della mobilità a Milano. Come molti Milanesi (che ancora non lo sanno) sono asmatico. Posseggo 11 biciclette ma la maggior parte sono vecchie e scassate in attesa di essere sistemate. Sono sposato con una fanatica della bicicletta come me e ho un cane che viene con noi in bici.
Bicicletta: Una MTB decathlon con freni Vbrake, cambi sram, forcella ammortizzata e telaio in alluminio.
Località: Milano
Contatta:

Re: patente per conducente di velocipede

Messaggio da pedalgronda »

renatociclo ha scritto:viene da uno che fa 20mila km l'anno in bicicletta per andare al lavoro, per puro divertimento e per cicloviaggi in italia e all'estero.
appunto, renditi conto che il tuo non è l'uso tipico della bici. L'universo bici include anche il vecchietto che a 80 anni va da casa al bar di un piccolo paese dell'aspromonte dove l'ultima auto è passata nel 56.
Magari non sa leggere, come non sanno leggere tutti i bambini sotto i 6-7 anni. Non possono usare la bici?
Il tuo discorso è logico per alcune tipologie di ciclisti, assolutamente esagerato per altre.
Non dimenticare che anche pedoni e animali sono ammessi, in certi casi, alla circolazione su strada: dove non c'è il marciapiede addirittura in carreggiata (e in senso contrario!!! questa la sanno in pochi pedoni....
Secondo me, e ripeto non so se esiste un paese al mondo in cui ci vuole la patente per andare in bici, ma se l'italia facesse sta cosa o, come è probabile, semplicemente nessuno la rispetterebbe e amen oppure vedremmo calare drasticamente il numero dei ciclisti. cosa che male si accompagna al tuo meritevole intento di questa discussione
Io, GG, sono nato e vivo a Milano (G.Gaber)

Pimpa
Messaggi: 455
Iscritto il: 12 mag 2008, 9:47 pm
Biografia: Non sono diventato quello che sarei voluto essere, ma mi sono dimenticato chi sarei voluto diventare.
Bicicletta: Trekking (Riverside 7), inrubabile da città, da corsa per qualche sgambata la domenica
Località: Milano

Re: patente per conducente di velocipede

Messaggio da Pimpa »

Io anche in questo caso non ho le vostre convinzioni. Prima di qualunque altra regola mi piacerebbe però vedere il controllo di quelle attuali. Ben vengano poi le sanzioni anche ai conducenti di velocipedi.
Se passi una vita noiosa e miserabile perché hai ascoltato tua madre, tuo padre, il tuo insegnante, il tuo prete o qualche tizio in tv che ti diceva come farti gli affari tuoi, allora te lo meriti. (Frank Zappa)

renatociclo
Messaggi: 236
Iscritto il: 18 giu 2012, 8:11 am

Re: patente per conducente di velocipede

Messaggio da renatociclo »

io credo molto nella formazione e come questa possa cambiare gli individui e renderli più consapevoli, in tutti i campi.

l'ambito di cui discutiamo, finora non è mai stato oggetto di nessun tipo di formazione, neanche lontanamente.

e questo è sicuramente un grosso limite.

robbibi
Messaggi: 376
Iscritto il: 16 lug 2009, 10:23 am
Biografia: Aggiorno il mio profilo che era fermo al 2009 anno di prima iscrizione.....dopo il virus sono calato a 1,77 ma aumentato a 100kg, forse di virus ne ho mangiato troppo. ora sono passato alla e-bike rigorosamente Mtb, troppo bello andare su sterrati e capezzagne. i miei giri sono piuttosto monotoni ma ho avuto esperienze importanti sia per lunghezza che per durata, rimanere via solo con la bici e lo zaino una settimana non mi da fastidio, anzi!!
Bicicletta: Bianchi Mutt 7400 - e-bike Specialized Turbo Levo Comp
Località: Mantova

Re: patente per conducente di velocipede

Messaggio da robbibi »

pedalgronda ha scritto:totalmente contrario. Inutile per chi pedala tanto e sa molto di più di quello che è scritto nel cds, e POTENTE DETERRENTE a iniziare a usare la bici....esistono paesi dove questa cosa esiste? E in tutti gli altri? Allora la stessa cosa andrebbe fatta per i pedoni. Un corso obbligatorio per insegnare a come attraversare, il semaforo, ecc ecc. Se non lo hai non puoi uscire di casa.
La bici non è un veicolo. non solo. E' l'anello di congiunzione tra piedi e auto. Casco obbligatorio, assicurazione, patenti sono cose che vanno bene per chi, col suo mezzo, causa danni agli altri. Proprio come le armi. La bici è uno strumento di calma, pace, rispetto che ha un solo nemico: l'illegalità concessa ai veicoli a motore.Illegalità causa del 95% degli incidenti e quindi dei 2000 morti (in aumento proprio tra pedoni e bici).

Favorevole invece a corsi facoltativi e in stile gioco nelle scuole. ma senza nessun esame o bocciatura. La bici è una festa.
...totalmente e forsennatamente daccordo con questo pensiero...patenti autorizzazioni patentini bollini marchette e quello che volete l'Italia ne è piena...vogliamo aggiungere anche la patente per la bici allora mettiamola anche per gli snowboard per i monopattini per le tavole da street....ma scherziamo????
come se non conoscessimo chi ci governa, si fa per dire, dategli un patentino e saranno capaci di applicare chissà quale nuova tassa o balzello, riusciranno definitivamente a stroncare il mercato della bici nuove o usate che siano...

insegnamo piuttosto ad usare il cervello che quello uno gli rimane per tutta la vita e non costa nulla....(....."""Favorevole invece a corsi facoltativi e in stile gioco nelle scuole. ma senza nessun esame o bocciatura. La bici è una festa"""....)
....Ho veduto nascere il sole dai ghiacci di Thule, ho veduto i riflessi dorati delle moschee, le onde adulte della Guascogna, gli squali bianchi, i tucul, le case dei ricchi, e ho pianto....

renatociclo
Messaggi: 236
Iscritto il: 18 giu 2012, 8:11 am

Re: patente per conducente di velocipede

Messaggio da renatociclo »

sono d'accordo, in italia lo stato punta sprattutto a fare cassa , in qualunque modo. ma purtroppo temo che si arriverà lo stesso alla situazione che tu dici, al di la di tutti i nostri discorsi solla formazione.

negli ultimi anni c'è stato un incremento nella vendita della biciclette che in percentuale ha superato quella dell'automobile. questo dato non passerà inosservato per lungo tempo. perciò dobbiamo aspettarsi una futura tassa di circolazione per velocipedi, sperando che sia nominale e non tecnica, altrimenti io non saprei come fare visto che ho 6 biciclette. metteranno l'assicurazione obbligatoria e altre robe che renderanno l'uso della bici un po più comlplicato. sarà solo questione di tempo.

dispiace che in un paese dell'area euro i cittadini debbano fare autocensura pure verso progetti che potrebbero avere ricadute positive, solo perchè siamo intrappolati in una situazione che ci schiaccia sempre di più.

come ho gia detto, io credo molto nella formazione, non fosse altro che tutta la mia vita è incentrata sulla forrmazione continua, e volente o nolente ne vedo i benefici. sono convinto al 110% che un progetto che vada nella direzione di migliorare il grado di istruzione e di formazione nel constesto generale della mobilità sia ciclabile che non, non possa che far bene e aumentare il livello di consapevolezza e rendere la convivenza un esperienza più piacevole.

pedalgronda
Moderatore
Messaggi: 2736
Iscritto il: 01 giu 2007, 8:54 pm
Biografia: Sono nato a Milano e qui ho sempre vissuto: 34 anni, Ingegnere meccanico (indirizzo materiali metallici) dal 2002. Dal 2005 sono attivo nel volontariato per la difesa dell'ambiente e per il miglioramento della mobilità a Milano. Come molti Milanesi (che ancora non lo sanno) sono asmatico. Posseggo 11 biciclette ma la maggior parte sono vecchie e scassate in attesa di essere sistemate. Sono sposato con una fanatica della bicicletta come me e ho un cane che viene con noi in bici.
Bicicletta: Una MTB decathlon con freni Vbrake, cambi sram, forcella ammortizzata e telaio in alluminio.
Località: Milano
Contatta:

Re: patente per conducente di velocipede

Messaggio da pedalgronda »

robbibi ha scritto:come se non conoscessimo chi ci governa, si fa per dire, dategli un patentino e saranno capaci di applicare chissà quale nuova tassa o balzello, riusciranno definitivamente a stroncare il mercato della bici nuove o usate che siano...
quello delle tasse è un problema secondario per me. primaria è l'esigenza di non ostacolare l'uso di questo "veicolo" ;per usi corti o cortissimi la bici è la sola alternativa ai piedi per molti. metti una sola difficoltà e la gente va a piedi. numericamente credo che i vecchietti che vanno al bar siano un'utenza piuttosto numerosa della categoria ciclisti.
la bici è la stessa cosa dei piedi in molti casi e in molti altri è la stessa cosa delle auto. le regole devono essere tali da non stravolgerne l'essenza. l'obbligo di luci di notte ci sta. la patente no. secondo me
Io, GG, sono nato e vivo a Milano (G.Gaber)

matabike
Messaggi: 133
Iscritto il: 20 ago 2008, 11:48 pm

Re: patente per conducente di velocipede

Messaggio da matabike »

Qui abbiamo una ciclista pizzicata da vigili motociclisti per aver saltato il semaforo rosso in piazza Scala, Milano. Un caso più unico che raro.
Il ciclista urbano è generalmente anarchico, nel senso che è portato a ritagliarsi il suo personale codice della strada a seconda delle sue personali necessità del momento. Un attitudine sbagliata dal momento che si trova a dover condividere situazioni regolamentate dal codice della strada.
L'idea della patente per ciclisti fa sorridere ma d'altra parte trovo giusto che tutti gli utenti della strada condividano le stesse regole altrimenti sarebbe il caos.
Basterebbe più educazione e buon senso.
Allegati
175.jpg
175.jpg (57.74 KiB) Visto 5743 volte

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti