Sirmione le Grotte di Catullo

Mappa

Pendenza media 0.3%, max 1% Dislivello salita 30m, discesa 16m, assoluto 13m

Caratteristiche

Sicurezza

Tipo percorso: ciclopedonale 🚶
Adatto a bambini: Si

Lunghezza

Distanza:5.2 km
Durata: 21 minuti a Km/h

Fondo stradale

Pavimentazione:asfalto
Adatto a pattinatori: No

Tipi di bicicletta

Bici da città, Cicloturismo, Corsa, Gravel, Mountain Bike

Descrizione

La partenza è all'interno del comune di Sirmione, sulla punta del promontorio della penisola, si ritrova la più ampia ed importante villa signorile romana dell'Italia Settentrionale, detta le "Grotte di Catullo", edificata tra il I secolo a.C. ed il I secolo d.C.

La grande abitazione è così chiamata perché il veneziano Marin Sanudo (1466-1536), visitando Sirmione, la ritenne, romanticamente ma erroneamente, la casa sirmionese del poeta latino Catullo. In realtà il poeta possedeva certamente una casa a Sirmione, ma non vi sono fonti che specifichino ove fosse situata.

2 B) Il castello di Sirmione (XIII secolo), dotato di torri e di mura merlate, fu base stratetegica per il controllo del lago.
Il famoso castello sirmionese è di epoca scaligera e la sua darsena - ancora in perfetto stato di conservazione - rappresenta un raro caso di fortificazione destinata ad uso portuale. Il mastio viene costruito nel XIII secolo ad opera, verosimilmente, di Mastino I della Scala.

Itinerario segnalato da più persone; ultima modifica il 19 maggio 11

Modifica

Download

Scarica il tracciato gps in uno dei seguenti formati:

Scarica il tracciato sul tuo smartphone in uno dei seguenti formati:

Recensioni e Commenti (2)

  • Re: Sirmione le Grotte di Catullo

    Difficile arrivare alle grotte di Catullo in Bici, ma anche alla Rocca subito dopo l'ingresso nel paese vecchio: semplicemente non si può passare dalla porta nelle vecchie mura scaligere.

    p000gna, 17 agosto 18

  • Re: Sirmione le Grotte di Catullo

    C'è un piccolo particolare che vanifica ogni ulteriore discussione su questo percorso: il comune di sirmione, con un abuso di potere bello e buono, ha vietato l'accesso alle biciclette anche condotte a mano, alla città: obbliga i ciclisti a lasciare le due ruote fuori dal ponte di entrata alla rocca, dove possono essere rubate con calma dai ladri. In compenso residenti e ospiti degli alberghi girano indisturbati con qualsiasi auto.
    Facciamo sentire la nostra voce indignata!
    Paolo

    bettinp, 16 settembre 13