Registrazione

Traversata appenninica dalla Val di Reno alla Val di Serchio lungo la SS324 Tratto Modenese

Profilo altimetrico

Pendenza media 2.2%, max 28% Dislivello salita 2625m, discesa 1517m, assoluto 1108m

Caratteristiche

Distanza:51.3 km
Tipo:strada
Fondo:asfalto
Adatto a bambini: No
Adatto a pattinatori: No
Durata (Km/h): 205 minuti
Percorso un pò lungo ed impegnativo (quasi un cicloviaggio) che collega le valli del Reno e del Serchio aggirando il Monte Cimone e Valicando il Passo delle Radici. Da farsi eventualmente in 2 o 3 tappe, dato l'impegno richiesto e le molte possibilità di alloggio ed escursione che offre la zona, entrambe le estremità del percorso sono raggiungibili in treno: Silla lungo la linea Bologna-Pistoia (Porrettana) e Castelnuovo Garfagnana lungo la linea Pisa-Lucca-Aulla (Garfagnana): sia chiaro che questo non è il percorso più breve, l'altro, che parte dalla vicina Porretta, risale il Reno dalla Traversa di Pracchia, sale a San Marcello,scende per la Val di Lima fino a Bagni di Lucca e risale il Serchio fino a Castelnuovo Garfagnana è assai più breve, ma (con l'eccezione di un breve tratto in Val di Lima) assai meno bello.
Il percorso grossomodo si divide in tre parti geografiche distinte: Valle del Reno, con il fiume Silla (da Silla a Lizzano in Belvedere), Valle del Panaro coi torrenti Dardagna, Leo, Scoltenna, Perticara (da Lizzano in Belvedere a Sant'Anna Pelago e al passo delle Radici) e val di Serchio con il torrente di Castiglione ed i torrente Corfino (dal Passo delle Radici a Castelnuovo Garfagnana) e scorre in tre province: Bologna, Modena e Lucca ognuna più o meno corrispondente ai tre tratti sopra indicati.

Qui esaminiamo il tratto Modenese che va dal ponte sul Dardagna (confine con la provincia di Bologna) al Passo della Radici (confine con la Provincia di Lucca e la Toscana. L'itinerario inizia col ponte sul torrente Dardagna al confine fra le province di Bologna e Modena e prosegue per circa 1 km scendendo lungo la valle di questo torrente
per poi entrare con una brusca curva a sinistra nella valle del Leo (uno dei due torrenti, l'altro è lo Scoltenna, che, confluendo più a valle, danno vita al fiume Panaro), si risale la vallata di questo torrente, prima sul lato destro (rispetto alla sorgente) e poi sul sinistro fino all'abitato di Fanano ove si incontrano sulla sinistra gli itinerari http://www.piste-ciclabili.com/itinerari/4626-Fanano%20-%20Ospitale%20-%20Osteria%20-%20Passo%20di%20Croce%20Arcana e http://www.piste-ciclabili.com/itinerari/1782-Fanano%20-%20Pian%20Cavallaro%20(M.te%20Cimone) Da Fanano si prosegue lungo la SS324 verso Sestola lasciando gradualmente la Valle del Leo e dei suoi affluenti per entrare successivamente in quella dello Scoltenna (l'altro torrente che dà origine al Fiume Panaro), torrente che incontreremo fisicamente a bordo strada poco dopo Montecreto.

Raggiunta Sestola proseguiamo verso Montecreto lungo la SS324 continuando la mezzacosta del monte Cimone passando per Roncoscaglia ed entrando nelle convalli dello Scoltenna,da Montecreto discesa abbastanza rapida verso il fondovalle ove scorre lo Scoltenna, lo si risale lungo la SS324 che lo costeggia prima sul suo lato destro e poi superato Riolunato, prossimità di Pievepelago, sul lato sinistro.

A Pievepelago (punto d'innesto sul percorso http://www.piste-ciclabili.com/itinerari/4918-Pievepelago%20-%20Fiumalbo )si incrocia e si imbocca per un breve tratto la SS12 (del Brennero e dell'Abetone) e si lascia la valle dello Scoltenna per entrare in quella del Rio Perticara e affrontare la salita al Passo delle Radici (900 di dislivello da Pievepelago in 14 Km.).

La strada procede in salita a ttraversando il borgo di Sant'annaa Pelago e successivamente la Sega ove arriva il percorso per MTB della Via Vandelli proveniente dalla Santona: http://www.piste-ciclabili.com/itinerari/5383-
Antica%20Via%20Vandelli%20-.tratto%20dell , prosegue poi verso l'Imbrancamento ove incrocia la strada per Piandelagotti, Frassinoro e Montefiorino prima di raggiungere il Passo Delle Radici (a quotq 1524 m) ove si entra in provincia di Lucca e si incontrano altri itinerari.

Itinerario segnalato da p000gna il 15 luglio 15

Sono presenti 2 commenti legati a questo percorso.

Download

Commenti

  • Re: Traversata appenninica dalla Val di Reno alla Val di Serchio
    E' questo il tratto più lungo di un itinerario di oltre 100 km. (quasi un cicloviaggio) alle pendici di buona parte della montagna modenese, che io per necessità di computer (non riuscivo a caricare l'intero percorso) ho diviso in tre tratti: quello bolognese (di circa 25 Km) quello modenese (di circa 50) e quello lucchese (di circa 30). Questo tratto attraversa una bella fetta della zona di produzione del Parmigiano Reggiano ed frequente incontravi (o raggiungere con deviazioni brevissime) dei caseifici ove è possibile comprare dei bei pezzi di questo squisito prodotto. Il paesaggio è vario e panoramicamente gratificante e, pur trattandosi d i un itinerario montano, il percorso (se escludiamo l'ultimo tratto della salita al Passo delle Radici di circa 14,5 Km) non è neppure troppo faticoso anche se si sale quasi a 1000 m. fra Sestola e Roncoscaglia (ma in 17 Km di strada e partendo da oltre 400 m. di altezza).
    p000gna, 16 luglio 15
Scrivi commento | Regolamento