Registrazione

Piglio - Fiuggi

Profilo altimetrico

Pendenza media 2.3%, max 17% Dislivello salita 517m, discesa 186m, assoluto 401m

Caratteristiche

Distanza:17.24 km
Tipo:ciclopedonale
Fondo:misto
Adatto a bambini: Si
Adatto a pattinatori: No
Durata (Km/h): 69 minuti
Pista ciclabile ricavata dalla vecchia linea ferroviaria che collegava Roma con Fiuggi.

Un percorso collinare che si snoda, nella parte iniziale, tra uliveti e vigneti, per poi passare attraverso un boschetto nella parte vicino Fiuggi.

Paesi attraversati: Piglio, Serrone, Acuto.

Itinerario segnalato da più persone; ultima modifica il 9 aprile 13

Sono presenti 13 commenti legati a questo percorso.

Download

Commenti

  • Re: Piglio - Fiuggi
    sono sempre paco,il tratto fiuggi-acuto il fondo stradale è asfaltato oppure sarebbe adatto a una bici particolare come la handbike...aspetto volentieri una risposta x l imminente primavera.grazie
    Paco parente, 20 febbraio 18
  • Re: Piglio - Fiuggi
    ciao sono paco poichè io ho un handbike vorrei chiedere se il fondo stradale è completamente asfaltato..!!éna zona che mi piacerebbe tanto conoscere soprattutto in bici.saluti
    Paco parente, 20 febbraio 18
  • Re: Piglio - Fiuggi
    percorsa dalla ex stazione di paliano a fiuggi. bella protetta esposta a sud. da evitare quando fa molto caldo ideale in primavera autunno.
    unico problema i cacciatori. ho sentito diversi colpi di fucile mentre la percorrevo.
    ardf, 1 novembre 17
  • Re: Piglio - Fiuggi
    Percorsa ieri (06/08/2017) da Serrone (La Forma) a Fiuggi con giri vari interno città + ritorno e devo dire che le info reperite quì, sul vs sito, sono state molto utili. Il percorso è veramente molto bello anche se per me, ex fumatore sedentario 58enne ritornato alla bici dopo 43/44 anni, èstata faticosetta. E' anche vero che alla muscolare ho attaccato un carrellino monoruota (autocostruito: per chi volesse vederlo c'è filmato su faccialibbro "XIV in BICI"......tranquilli nn devo vendere nulla :asd ) con cane di 8kg dentro....
    Il tratto che da Acuto scende a Fiuggi devo dire che è piuttosto maltenuto al punto che molti ciclisti preferiscono affrontare le sardomobili sull'asfalto: cmq pista transitabile a bassa velocità.
    Che altro aggiungere: panorama mozzafiato ma molto caldo........alto di gamma della giornata una sosta pranzo-mangereccia da "La Ciociara" a La Forma che vi consiglio caldamente.
    Buone pedalate a tutti
    Leonardo Penna :cool
    blastercutter, 7 agosto 17
  • Re: Piglio - Fiuggi
    Ho percorso il 5 Luglio 2014 il tratto <Paliano - Acuto> con bici da corsa (si, avete letto bene, BDC! :cool ). La pista ciclabile è davvero bella (dovrebbero moltiplicarsi sempre di più strutture del genere) ma in alcuni tratti è abbandonata e trascurata, mentre in altri è in buone condizioni. Segnalo sul percorso alcuni vecchi pali segati a pochi centimetri da terra che a mio avviso sono piuttosto pericolosi e non dovrebbero esserci, però si vedono quindi OCCHI APERTI!
    Il primo tratto <Paliano - Serrone> è il più trascurato, in questo periodo la vegetazione ha parzialmente occupato la pista e residui di fogliame e detriti danno qualche grattacapo con la BDC, ma nulla di preoccupante o bloccante. Si può fare. In sole due occasioni ho percorso qualche metro con la bici in spalla per eccessiva presenza di detriti (la MTB non avrebbe alcun problema) ma per il resto è OK. Si prosegue in leggera salita verso Serrone, ma fattibile in tranquillità con un minimo di allenamento.
    Il secondo tratto <Serrone - Piglio> è tranquillo e il fondo è più pulito. Attenzione massima nei punti in cui si esce su strada perché le automobili non hanno visibilità sulla pista. Le ex stazioni che incontrerete sono state ristrutturate e hanno un comodo parcheggio. Ci sono anche tavoli per sedersi ma quasi tutte le aree sono, purtroppo, trascurate. Segnalo inoltre che in alcuni punti ho trovato auto parcheggiate a bordo pista e persino un tizio in vespetta ... Siamo in Italia, purtroppo, quindi OCCHIO!
    Il terzo tratto <Piglio - Acuto> è un tratto bellissimo. La pista è in buone/ottime condizioni e totalmente immersa nel verde e nel silenzio. Un paradiso. Il panorama è spettacolare. Tutta da godere.
    Il tratto <Acuto - Fiuggi> mi manca; ad Acuto sono tornato indietro verso Paliano ma con l'impegno di tornare.
    Concludendo, a mio parere la pista ciclabile è percorribile anche in BDC senza particolari impedimenti per chi ha attitudini avventurose anche con questo tipo di bici; astenersi puristi della strada. Ovviamente con la BDC va prestata molta più attenzione a dove si mettono le ruote rispetto alla MTB.
    Buone pedalate a tutti. :cool
    FlavioG, 7 luglio 14
  • Re: Piglio - Fiuggi
    Effettuato percorso ieri 02/06/2014 ... Condizioni del fondo ottime, i paletti di cui si parla sono stati probabilmente rimossi, rimane solo la base tagliata che comunque non crea problemi. Percorso molto bello dal punto vista paesaggistico, suggestiva la presenza dei tralicci della vecchia ferrovia in prossimità di Acuto. Consigliatissimo! Impegnativa ma non proibitiva la salita da Fiuggi verso Acuto al ritorno. Dovrebbe essere maggiormente pubblicizzato!
    fabio.francescone, 3 giugno 14
  • Re: Piglio - Fiuggi
    Ciao!
    Confermo quanto scritto da Pietroscacchi e Philip: lo scorso 22 agosto (2013), dopo aver parcheggiato vicino la vecchia stazione di Serrone, ho percorso la tratta Serrone-Fiuggi e ritorno, facendo attenzione ai paletti centrali lungo il tratto Serrone-Piglio, ma godendo del panorama e della tranquillità della pista. Un po' fuori allenamento e con il telaio in acciaio, ho impiegato un'ora per salire da Serrone ad Acuto, poi una ventina di minuti per arrivare al punto finale della pista, ovvero pochi metri prima del cartello che segnala l'inizio del comune di Fiuggi. Il ritorno è stato un po' stancante solo fino ad Acuto (data la salita!), per il resto ci si può rilassare, dato che la bici va praticamente da sola! ( Per chi soffre di problemi al collo consiglio di coprirlo, perché in discesa si raggiunge una discreta velocità, di conseguenza è come andare in motorino. )
    Per percorrere la tratta Fiuggi-Serrone ho impiegato un'ora, ma in discesa sono stata sorpassata da un gruppo di ciclisti meglio attrezzati e allenati.
    Non so come sia il tratto Paliano-Serrone, ma posso confermare che il resto della pista è in buone condizioni ed è frequentato da sportivi e non, solo verso Fiuggi la vegetazione invade un po' la pista e l'asfalto si sporca di terra; peccato che la pista muoia prima di entrare nel pieno della cittadina.
    Vi saluto consigliandovi di provare questa gita sulla vostra 2 ruote. :cool
    blissenobiarella, 25 agosto 13
  • Re: Piglio - Fiuggi
    Complimenti a Pieroscacchi che ha rappresentato in modo reale lo stato del percorso.
    Abito a Paliano e sono un amante della bicicletta e spesso percorro quel tratto di pista ciclabile.
    Mi piacerebbe organizzare gratuitamente delle escursioni in bici in gruppo, chiunque fosse interessato può contattare Alfredo, maildo@alice.it.
    PS per i gruppi che vengono da fuori e vogliono pernottare in zona abbiamo varie tipologie di alloggi.
    maildo, 6 novembre 12
  • Re: Piglio - Fiuggi
    Grazie alle ottime indicazioni di Pieroscacchi, parcheggiato Sabato mattina alla Stazione di Serrone (notare presenza di interessante erogatore di acqua minerale al costo decisamente popolare di € 0,05 al litro) e pedalato in assoluta tranquillità, tra ulivi e paesaggi splendidi, fino a Fiuggi.

    Unica critica, prestare attenzione in prossimità degli incroci: i paletti verticali posizionati per dissuadere entrata di veicoli diversi dalle bici sono occasionalmente stati rimossi, ma permangono al suolo le pericolose sedi in metallo sporgenti dall'asfalto di parecchi centimetri....

    Comunque, complimenti alle amministrazioni locali (esempi del genere dovrebbero moltiplicarsi !)

    Ciao a tutti,
    Philip
    PHIL53, 10 ottobre 11
  • Re: Piglio - Fiuggi
    Sono un insegnante romano di 56 anni, appassionato della bicicletta e amante di questo percorso immerso in una natura
    selvaggia.
    La pista ciclabile, lunga Km 25, è stata ricavata alcuni anni fa da una ferrovia dismessa, la Roma Laziali -
    Fiuggi - Alatri. Il tratto più bello è quello che va da Piglio ad Acuto, si tratta di 9 km di tracciato ciclabile lontano
    da strade, non si sente rumore di macchine nè di altro, la pista ha tagliato la collina, ai lati di questa una
    campagna sassosa a tratti coltivata ad ulivi, pochi passano in bici o corrono a piedi. E' un luogo incredibile!!!
    Vorrei dare alcune informazioni che integrano quelle del sito e che possono essere utili a chi volesse
    provare questo percorso.
    Una avvertenza preliminare, è assolata, non ci sono fontanelle! Riempite la borraccia prima della partenza perchè
    lungo il percorso non si attraversano centri abitati e purtroppo non ci sono fontanelle!!!
    La pista ciclabile inizia a PALIANO, precisamente sotto il paese e lungo la via Prenestina.

    1) TRATTO PALIANO - SERRONE di km 5 circa. Questo tratto bellissimo lo sconsiglio perchè è in abbandono, bisogna farsi largo
    tra i rovi che sono cresciuti sulla pista (situazione visionata a luglio 2010) ed è tutto in salita. Peccato
    perchè dispiace vedere come viene lasciato andare un percorso bellissimo che è costato denaro pubblico per
    convertirlo in pista ciclabile.
    Comunque sia, per chi è avventuroso e vuole provarlo lo stesso: il primo km corre lungo la Prenestina,dopo
    l'incrocio con la strada che sale a Olevano e Bellegra, la pista si allontana dalla strada e segue un suo percorso
    che aggira un monte, sempre in salita. In lontananza sentirete abbaiare molti cani, non temete! è un canile. Si prosegue
    tra le difficolta dovute alle erbacce che invadono la pista, finchè si giunge ad incrociare un'altra strada
    che sale a Roiate. Si prosegue per poco (qui la pista ciclabile è tenuta meglio)
    fino a giungere alla ex stazione di Serrone (ottimo restauro).

    2) TRATTO SERRONE - PIGLIO di km 3,5, di falsopiano in leggera salita. Consiglio di iniziare qui la pedalata, un comodo
    parcheggio consente di lasciare la macchina. Il tratto Serrone-Piglio non presenta difficoltà.
    Si segue la via Prenestina, si passa sopra un pavimento in cemento, guardando bene si scopre che è il tetto di
    una chiesina di campagna. Attenzione che dopo un Km e mezzo circa, si incrocia il bivio Prenestina-strada per Piglio,
    è pericoloso, le macchine non ti vedono. Ci si discosta dalla Prenestina, si prosegue fino a giungere in pianura alla
    ex stazione del Piglio (ottimo restauro, fontana e fontanella purtroppo asciutte!!!).


    3) TRATTO PIGLIO - ACUTO di km 9. E' il tratto più bello, lontano da qualunque strada, si pedala completamente immersi
    nella natura, ci tiene compagnia il rumore della nostra bicicletta, a tratti vedute sulla valle del fiume Sacco, e le gole
    di piccoli fiumi che scendono dalla parete del monte Pila Rocca (m 1108). Oltre ad essere il tratto più bello della pista è
    anche il più impegnativo. La strada è in leggera salita, tranne gli ultimi 3 chilometri in cui sale con pendenze maggiori,
    mai durissime. Ci si può fermare più volte in questo tratto, presso un casello ferroviario abbandonato (bella vista
    retrospettiva sulla pista che abbiamo salito e sul paese di Piglio), presso un ponte su una gola (bel panorama!).

    4) TRATTO ACUTO - FIUGGI di Km 6,5. Giunti alla stazione di Acuto (ottimo restauro) è fatta! Aggiriamo la casa di fronte
    alla ex stazione, facciamo 30 metri e troviamo una piazza tenuta a giardino con una fontanella. L'acqua è ottima, se
    lasciate scorrere l'acqua due/tre minuti arriverà anche fresca! Riprendiamo il percorso,fatti m 500 ecco una fontanella.
    Ripartiti da Acuto ci aspettano km 3 in falsopiano di leggerissima salita, fino a che incrociamo la Prenestina.
    A questo punto si passa sulla sinistra della strada e la si costeggerà sempre fino a Fiuggi.
    E' importante sapere che da ora in poi la strada è tutta in discesa!!! Subito si trova un
    punto di ristoro con panche, tavoli e carta topografica (purtroppo tutto in abbandono). La pista ciclabile scende veloce in
    un bosco fino a Fiuggi. Purtroppo il tracciato è sporco: ci sono foglie e rametti, ma nulla di grave. Sempre in discesa,
    sempre dentro un bosco, si giunge a un km e mezzo dalle prime case del paese, qui la pista ciclabile si conclude.
    Proseguiamo sulla via Prenestina, passano pochissime macchine (chi scrive l'ha percorsa varie volte e in
    varie stagioni dell'anno). Giunti ad un rondò si entra nel paese. Ora la strada è in leggerissima salita, notare a sinistra
    le vecchie rotaie del treno che ancora emergono dall'asfalto.Solo un Km e mezzo separa il rondò dalla piazza principale
    di Fiuggi dove si trovano le Terme Bonifacio VIII e la ex stazione (OTTIMO restauro). In un capannone ferroviario è stato
    recentemente realizzato un piccolo museo della ferrovia Roma - Fiuggi.

    FIUGGI. Se si giunge a Fiuggi all'ora di pranzo e si vuole mangiare, la cittadina offre diverse possibilità,
    oltre ai ristoranti dei numerosi alberghi, si trovano pizzerie a taglio e botteghe di salumi e formaggi che preparano
    panini. Se posso permettermi, io, tutte le volte che vado a Fiuggi in bici, mi fermo in una pizzeria di via Gorizia,
    chiamata L'arte della pizza (no chiusura settimanale). Offre vari tipi di pizza e bevande, in più dispone
    di un giardino con sedie e tavoli che può che può ospitare una ventina di persone.
    I prezzi sono onestissimi!


    IL RITORNO E' TUTTO IN DISCESA, LA BICICLETTA VI RIPORTERA'A SERRONE, attenzione che appena usciti da Fiuggi
    vi aspettano tre km circa di salita dura, non durissima.

    Per chi non fosse ancora stanco di pedalare, dopo aver raggiunto Fiuggi, può proseguire per km 12 fino a Fumone.
    Si costeggerà il bellissimo lago di Canterno (lungo questo lago si trova un percorso pedonale e ciclabile di un km circa),
    giunti a Fumone è d'obblico visitare il Castello, ancora oggi proprietà privata di una famiglia romana.
    Uscendo da Fiuggi c'è una lunga discesa, per raggiungere Fumone c'è una bella salita, il resto del percorso è
    pianeggiante.

    UN REGALO per chi ha avuto la pazienza di leggere queste note fin qui.
    Tornando al Piglio, uscite dalla pista ciclabile, fate 100 metri in discesa e vi trovate sulla via
    Prenestina, ancora 500 metri in direzione Roma e trovate sulla sinistra la Cantina Sociale del Piglio.
    Una sorpresa! Non solo potete acquistare il famoso vino doc sfuso o confezionato,
    potete anche fermarvi alla enoteca arredata in modo rustico e simpatico,
    potete sorseggiare vari tipi di vino, tutti a prezzi accettabili, ed accompagnarli con
    cantucci o ciambelle al vino (oppure crostate alla frutta), i gestori sono simpatici e gentili!
    Non so resistere ad assaggiare il rosso del Piglio (14°)!!! Eccezionale!!!

    Spero di avervi fornito indicazioni utili, provate questo percorso! Tra i tanti che si possono fare
    in bici nelle vicinanze di Roma questo è bellissimo e unico, solo natura e se stessi!!! Una esperienza da fare!

    Pieroscacchi
    Pieroscacchi, 25 agosto 10
  • Re: Piglio - Fiuggi
    :cool ...ciao a tutti...:)....

    ...bella esperienza, ho fatto il persorso da Serrone a Fiuggi....domenica 22 nov :)..la pista è in ottimo stato, si va che è una meraviglia:)....

    ..se qualcuno vuole rifarlo con me....io ci sono:)....
    valter - roma:)...
    minotauro65, 26 novembre 09
  • Re: Piglio - Fiuggi
    Oggi sono stato a fiuggi per fare il percorso acuto come pescritto dal sito,ma e' stato un problema per chi viene da fuori Roma.Con la macchina sono stato a girare un ora,ho dovuto chiedere a dei ciclisti in transito.La pista ciclopedonale non e' indicata come dovrebbe essere.I cartelli sono nascosti e non sono segnate come i sentieri,ma poi alla fine ci sono riuscito a farne solo un pezzo,perche' la pista nonche' percorsa anche da macchine e motorini finisce su una strada provinciale.Il percorso l'ho iniziato dove ce' il palatenda di fiuggi..Buona fortuna ragazzi sarete piu' fortunati di me!!
    marcolino, 5 luglio 09
Scrivi commento | Regolamento