Registrazione

Firenze - Siena

Profilo altimetrico

Pendenza media 0.8%, max 13% Dislivello salita 976m, discesa 734m, assoluto 518m

Caratteristiche

Distanza:65.16 km
Tipo:strada
Fondo:asfalto
Adatto a bambini: Non votato
Adatto a pattinatori: Si
Durata (Km/h): 261 minuti
Itinerario da fare in una giornata intera.
Si parte da Firenze-Porta Romana verso la Certosa di Galluzzo, passando per San Gaggio.

Il tratto Firenze-Greve in Chianti é quasi tutto in piano, con due brevi salite proprio all'inizio del percorso (quella di San Gaggio all'uscita di Firenze e la breve rampa della Certosa).
Dalla Certosa si prosegue verso il cimitero americano, poi su strada verso Falciani.

Questo tratto é probabilmente il piú brutto dal punto di vista della strada e del traffico, ma si fa anche abbastanza in fretta. Peccato perché il paesaggio non é male.
A Falciani si devia verso il Ferrone, su una strada decisamente piú gradevole nelle terre a sud di Impruneta. Da il Ferrone si prosegue verso Greve, passando dal passo dei Pecorai, e si entra definitivamente nelle terre del Chianti.

A Greve si ha un punto ideale per pausa pranzo se si é partiti tardi da Firenze (sulle 12). Altrimenti, pausa per caricare zuccheri e liquidi in vista delle prossime salite da affrontare.
Da Greve a Castellina in Chianti si ha la parte piú impegnativa del percorso dal punto di vista fisico. Per fortuna é anche abbastanza poco transitata dalle macchine.

Dopo pochi chilometri inizia una salita di circa 7 km fino a Panzano, che é impegnativa ma fattibile, e dal punto di vista paesaggistico spettacolare. Man mano che si vince la salita, in mezzo a viti e qualche uliveto, si distende ai lati l'ondulato paesaggio che alterna le ordinate colturee arboree di queste terre con il seminativo a grano.
Arrivati a Panzano si é orgogliosi dello sforzo fatto, ed é raccomandabile fare pausa pranzo qui e visitare il non molto conosciuto borgo se si é partiti presto. Altrimenti, pausa comunque per riprendere forze perché quel rimane ancora metterá alla prova i piú.
Dopo Panzano si scende per diversi chilometri fino al mulino sul torrente. Ma attenzione, tutto quello che si scende bisogna poi risalirlo. Infatti, dal vecchio mulino fino a Castellina in Chianti c'é probabilmente la salita piú dura che abbia mai affrontato.

Il fattore psicologico é anche determinante per coloro che la fanno per la prima volta, visto che non si riesce a capire le distanze e si va su per una sorta di selva desolata. Da questo punto di vista, non disperate: siete piú vicini a Siena di quello che pensate, e questa é la salita piú prolungata e impegnativa che dovrete affrontare (il che é come dire, fatti questi chilometri, potrete riposarvi un po').

Non mi vergogno di dire che a un certo punto ho dovuto scendere e proseguire a piedi per qualche chilometro. Poi si puó anche riprendere fino arrivare al falso piano in cima al monte, ma anche qui é probabile che le forze vi abbiano abbandonato da parecchio e dobbiate riscendere. Dopo un po' di sali-scendi si arriva a Castellina in Chianti, il paesaggio si apre (si esce dall'angusta selva in cima al piccolo altopiano), riappare il tipico paesaggio chiantigiano e le vostre pene sono in gran parte finite. Da qui fino a Siena é quasi tutto discesa o piano, con l'eccezione di un'altra salita che puó farvi scendere dalla bicicletta prima di Quercegrossa. Comunque, da Castellina si vede all'orizzonte Siena, e potete godervi il paesaggio e la discesa (anche perché, ormai, avrete capito che senz'altro riuscite a prendere l'ultimo treno di ritorno per Firenze, anche se siete prtiti relativamente tardi).

Itinerario segnalato da Alberto il 19 novembre 12

Sono presenti 3 commenti legati a questo percorso.

Download

Commenti

  • Re: Firenze - Siena
    Questa discussione contiene i commenti dell'itinerario cicloturistico Monte Trstelj
    sassylogical, 30 agosto
  • pokemon
    There are the many users seen the function of easily here microsoft password manager and access the all setting here easily.
    pokemon999, 5 agosto
Scrivi commento | Regolamento